home | Fabbricanti di pianoforti in Italia | contatti


 

 

 

Fabbricanti di Pianoforti in Italia
dal 1710 a 1849

Cerciamo ancora tutte altre marche e informazioni dei pianoforti italiani !
© Copyright all rights reserved

1710 - 1849 | 1850 - 1899 | 1900 - 2017

a | b | c | d | e | f | g | h | i | j | k | l | m | n | o | p | q | r | s | t | u | v | w | x | y | z

Marca

Data

Logo

Città

Indirizzi

Quantità di pianoforti

Informazioni

Medaglie

 Fino

           

1710

 

 

I precursori dal 1710 a 1780 con la nascita del pianoforte

 

 

 

 

   

CRISTOFORI Bartolomeo
| CRISTOFALI | CRISTOFANI

(1655 - 1731)

 

 

1722

 

Pianoforte a coda ca. 1720, The Metropolitan Museum of Art, New York, U.S.
Pianoforte a coda ca. 1720, foto su Gallica
Pianoforte a coda ca. 1722, Museo Nazionale degli Strumenti Musicali, Roma, Italia
Pianoforte a coda ca. 1725, Collezione privata (strumento mancante, l'azione sopravvive), Vancouver, British Columbia, Canada
Pianoforte a coda ca. 1726,
altre foto, Universität Musikinstrumenten-Museum, Lipsia, Germania

1711

DESCRIZIONE D'UN GRAVICEMBALO COL PIANO, E FORTE
"Aggiunte alcune considerazioni sopra gli strumenti musicali.
Se il pregio delle invenzioni dee misurarsi dalla novità, e dalla difficoltà, quella, di cui siamo al presente per dar ragguaglio, non è certamente inferiore a qualunque altra da gran tempo in qua si sia veduta. Egli è noto a chiunque gode della musica, che uno de'principali fonti, da'quali traggano i periti di quest'arte il segreto di singolarmente dilettar chi ascolta, è il piano, e il sorte che corrisponde al chiaro, e scuro della pittura: o sia nelle proposte, e risposte, o sia quando con artifiziosa degradazione lasciandosi a poco a poco mancar la voce, si ripiglia poi ad un tratto strepitosamente : il quale artifizio è usato frequentemente, ed a maraviglia ne'gran concerti di Roma con diletto incredibile di chi gusta la perfezione dell'arte. Ora di questa diversità, ed alterazione di voce, nella quale eccellenti sono fra gli altri gli instrumenti da arco, affatto privo è il cembalo; e sarebbe da chi che sia stata riputata una vanissima immaginazione il proporre di fabricarlo in modo, che avesse questa dote. Con tutto ciò una sì ardita invenzione è stata non meno felicemente penfata, che eseguita in Firenze dal Sig. BARTOLOMEO CRISTOFALI, Padovano, Cembalista stipendiato del Serenissimo Principe di Toscana. Egli ne ha finora fatti tre della grandezza ordinaria degli altri gravicembali, efon tutti riusciti perfettamente. [...]" Giornale de letterati d'Italia, 1711, p. 144-159 e Rime e prose : parte raccolte de varii libri, e parte non piu stampate, Scipione Maffei (Marchese), 1719, p. 309-315

Cristofori costruirebbe 20 pianoforti prima della sua morte in 1731. Uno dei suoi allievi, Giovanni FERRINI, costruiti piani a Firenze fino al 1755.

"Mécanique de piano, de B. Cristofori. - Bartolomeo Cristofori (Padoue, 4 mai 1653 — Florence, 17 mars 1731) imagina en 1709 une mécanique qui permettait de jouer piano ou forte sur le gravicembalo, et il exposa en 1711 un instrument construit d'après le système dont on voit ici le modèle. Cristofori, baptisé sous le nom de Cristofani, a été aidé dans ses travaux par Giovanni Perrini. Le comte S. Maffei, dans son Giomale dei letterati d'Italia (t. IV), est le premier écrivain qui ait appelé l'attention sur le facteur particulier de Ferdinand de Medici" Le musee du Conservatoire national de musique : catalogue descriptif et raisonne, 1884

 

Padova

Firenze

(Toscana)

?  

CHRISTOFANI : Trascrizione sul libro dei battezzati della parrocchia di San Luca, a Padova; vi è scritto Christofani e non Cristofori in quanto nel padovano il nome Cristoforo è ancora spesso mutato in Cristofano. (13)

Bartolomeo CRISTOFORI ° Padova 4 maggio 1655 - Firenze, 27 gennaio 1731 è stato un artigiano italiano, costruttore di clavicembali e altri strumenti a tastiera.

Il pianoforte, il cui meccanismo è stato inventato nel 1700 dal padovano Bartolomeo Cristofori, ha compiuto 300 anni, ma non vi sono dati confortanti sulla diffusione di questo strumento in Italia. (7)

Lavorò presso la corte dei Medici a Firenze intorno al 1690. Tra il 1698 e il 1700 inventò il Gravicembalo con il piano e il forte: Sono pervenuti a noi solo tre pianoforti, che ora si trovano uno a Lipsia, uno a New York e uno a Roma (costruito nel 1722, conservato presso il Museo degli strumenti musicali).

Dalla descrizione che Maffei ha dato lo strumento inventato da Cristofori, sulla testa del martello sembravano ai piccoli pezzi di pelle di cervo foderato nella parte superiore.

ARTICOLO

1839 - " [...] Cependant l'idée, l'idée première est tout dans ces sortes de trouvailles; les moyens d'exécution viennent après et ne sont que des accessoires. Cette idée lumineuse appartient à Cristofali, telle est. du moins mon opinion, si j'ose la’ donner dans une cause qui a soulevé tant de controverses.
Un écrit périodique publié à Venise, Giomale de’ Lillerali d’Italie, tome V, année 1711, pages 144-159, contient un article intitulé : Nuova invenzione d'un gravecembalo col piano e forte. Cet article est accompagné du dessin de l'instrument nouveau construit par Bartolomeo Cristofali, de Padoue; le texte du journal en donne la description. Beaucoup d'auteurs, et, parmi eux, Salimbeni, qui devait être porté à soutenir l'honneur de son compatriote, veulent que Cristofali n'ait publié son invention qu'en 1718. Pour arriver à cette preuve, il faut nécessairement frapper de nullité le témoignage du journal vénitien, ou démontrer que sa date est postérieure à 1711. C'est la que gît la question. La vérification de cette pièce importante doit juger le différend et terminer le procès. M. Anders affirme solennellement que la date de 1711 est incontestable, de même que le nom de Cristofali, que plusieurs ont appelé Cristofori. M. Anders est un savant qui montre autant de patience dans ses recherches que d’exactitude dans ses citations; je me range donc sous sa bannière, et j'attribue l'invention du piano à l'Italien Cristofali, en attendant que d'autres preuves me soient administrées.
En 1716, cinq ans plus tard, Marius, facteur de clavecins à Paris, fit paraître, dans le recueil des machines et des inventions approuvées par l’Académie, le dessin et la description de ses clavecins à maillets. L'année suivante, 1717, Amédée Schrœter, organiste de Nordhausen, concevait un instrument analogue, dont il présenta seulement, en 1721, deux essais inachevés à l'électeur de Saxe.
Cependant Schrœter, bien que le dernier en date, passe néanmoins pour l'inventeur du forte-piano. Schrœter réclame l'honneur de cette invention dans une missive publiée dans les 'Lettres critiques' de Marpurg en 1763, c'est-à-dire, cinquante-deux ans après la publication de Cristofali. C'est prendre hypothèque un peu tard, et le conservateur Marpurg devait opposer au requérant des fins de non-recevoir bien positives; les délais étaient expirés depuis trop long-temps.
La préférence accordée à Schrœter par l'opinion vient de ce que l'Allemagne avait accueilli favorablement les instrumens construits sur le modèle de l'organiste de Nordhausen, tandis que les inventions de Cristofali, de Marius, étaient négligées en ltalie comme en France : les premiers pianos partirent de l'Allemagne pour se répandre dans ces deux pays. [...]" Revue de Paris : journal critique, politique et littéraire, 1839, p. 192

Voor de Nederlandstaligen : Twaalf redeneeringen over nuttige muzikaale onderwerpen, 1756, p. 548-554

 

   
MONZINO
| MONZINI
1767 Milano  

4037, contrada della Dogana (**1820)(**1821)(**1822)(**1826)(**1827)(**1828)(*1829)(**1831)(**1834)(**1836)(**1837)(x1838)(**1839)(**1841)(***1842)(***1845)(**1850)(**1857)(***1858)(**1859)

4038, contrada della Dogana (**1853)(**1854)

7, via Orefici (**1870)(**1879)(**1886)

Magazzino : 10, via Rastrelli (**1879)

 

 

'Fabbricatore di pianoforti'

MONZINI Antonio (**1820)(**1821)(***1842)(**1853)(**1854)(**1857)(**1859)(**1870)(**1879)(**1886)

"Monzino Antonio, fabbr. d'istrumenti e negoz. di corde armoniche, contr. della Dogana 4037." Guida di Milano per l'anno 1842, p. 440

 

 

1937

FERRINI Giuseppe 1783 Firenze ?

 

Giuseppe Ferrini, figlio di Giovanni FERRINI, cura fino alla sua morte, avvenuta nel 1783, gli strumenti a tastiera della corte a Firenze (13) p. 2

 

   
PIANTANIDA Felice 1799  

 Fortepiano a tavola ca. 1778, Museo degli Strumenti Musicali, Castello Sforzesco, Milano
Fortepiano a tavola ca. 1799,
Universität, distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale, Lipsia, Germania

 

Milano  

2311, contrada del Rovello (**1828)(**1829)(**1831)

1110, contrada di San Margherita (**1834)(**1836)(**1837)(x1838)(**1839)(**1841)(***1842)

contrada del Bocchetto (***1845)(**1847)(**1850)(**1853)(**1854)

 

 

Fortepiani a tavolo, primi 1800 circa (4) p. 4 e (5) p. 161 e editori di musica (**1839)

PIANTANIDA Camillo (**1828)(**1829)(**1831)(**1836)(x1838)(**1839)(***1842)(***1845)(**1850)(**1854)

"Piantanida Camillo, accordatore di cembali; ricapito al negozio di Ferdinando Artaria e figlio, contr. di s. Margherita 1110." Guida di Milano per l'anno 1842, p. 440 - Vedete Ferdinando ARTARIA

   
DE MEGLIO Carlo

 

 

 

 

1800  

Piano a coda ca. 1830, ?

DE MEGLIO
su questo sito

ESPOSIZIONI

Cliccate sui link qui sopra.

BREVETTO

"Del Signor Carlo de Meglio, costruttore di pianoforti, per un nuovo modo di appoggiare le corde, differente da quello del Signor Erard." Annali civili del Regno delle due Sicilie, 1840, p. 38

"(N.° 6789.) Decreto che concede una privativa a D. Carlo de Meglio pel suo trovato di collocare ne' piano-forti la cordiera di un sol pezzo di ottone.
Napoli, 29 Novembre 1840. FERDINANDO II. PER LA GRZIA DI DIO RE DEL REGNO DELLE DUE SICILIE, DI GERUSALEMME ec. DUCA DI PARMA, PIACENZA, CASTRO ec. ec. GRAN PRINCIPE EREDITARIO DI TOSCANA ec. ec. ec.
Veduto il parere della Consulta de’ nostri reali dominii di qua del Faro; Udito il nostro Consiglio ordinario di Stato;
Abbiamo risoluto di decretare, e decretiamo quanto segue.
ART. 1. Concediamo a D. Carlo de Meglio Privariva di anni cinque ne’ nostri reali dominii di qua del Faro, a' termini del decreto de' 2 marzo 1810 provisiamente in vigore, pel suo trovato di collocare ne' pianoforti la cordiera di un sol pezzo di ottone.
Sulla proposizione del nostro Ministro Segretario di Stato degli affari interni;
2. Il nostro Ministro Segretario di Stato degli aifari interni è incaricato del a esecuzione del presente decreto.
Firmato, FERDINANDO.
Il Ministro Segretario di Stato degli affari interni Firmato, NIUCOLA SANTANGELO
Il Consigliere Ministro di Stato Pres. interino del Cons. de’ Ministri. Fir. MARCHESE DI PIETRACATELLA." Collezione delle leggi e de' decreti reali del Regno delle Due Sicilie, 1840, p. 141

INFO EXTRA

"Archetto metallico" per pianoforte progettato da Carlo De Meglio, 1840 (Archivi di Teatro Napoli)

Napoli Strada S.-Calterina di Sienna (*1829)

11, strada S. Mattia (**1832)

52, al largo di [via] Montesanto (*1836)(*1842)

20, Vicolo secondo Porteria San Tommaso d'Aquino (**1844)(*1845)(*1854)(xxx1855)

14, Strada Trinità degli Spagnoli (*1854)(xxx1855)(**1856)(***1865)

40, Strada Santa Anna de' Lombardi (*1854)(xxx1855)

 

'Fabbricante di pianoforti'

Pianoforti, (10) p. 216, (x1860) p. 259, (*1832) p. 53-54, (*1834) p. 213

Un allievo di Conrad GRAF (°1804)

"Il signor de Meglio merita particolare menzione per esser giunto a costruire forte-piani di rara perfezione. Tutto quello che per noi si ammira ne' forte-piani inglesi ed in quelli di Graff e di Stein lo ritroviamo a meraviglia imitato nei lavori di questo valentissimo fabbricante. La soavità del suono de* suoi strumenti è veramente incantevole; talché noi preferiamo per accompagnamento alla voce un forte-piano del de Meglio a qualsiasi altro." Il Progresso delle scienza, lettere ed arti: opera periodica, 1832, p. 154

Fratelli DE MEGLIO o DE MEGLIO Carlo e Giovanni (**1832)(**1844)(*1854)(xxx1855) - Vedete DE MEGLIO Giovanni (°1800) su questa pagina.

DE MEGLIO Carlo (**1856), vedete (°1828) su questa pagina.

"Parmi les facteurs de piano-forte, il en est deux qui se disputent le premier rang : Molitor né allemand, et Demeglio indigène. Abstraction faite de toute préférence pour mes compatriotes, je suis d'avis que Molitor l'emporte sur son rival. Ses relations avec les meilleurs fabricans de Vienne, dont les instrumens qu'il fait venir au fur et mesure fui révèlent, année par année, les améliorations successivement introduites, ces relations, disons nous, lui donnent sur tous ses rivaux des avantages incontestables, quoiqu'on ne puisse nier que Demeglio ne perd pas de temps à se les approprier ensuite. Cependant il ne peut guère se mettre de niveau avec son rival que lorsque celui-ci a reçu de Vienne avis de quelques nouvelles inventions. Quant à la faculté créatrice, aucun des deux ne la possède; ce ne sont qne des éclectriques qui ont appris à distinguer ce qui, au-delà des monts, peut convenir au public qu'ils se sont chargés de satisfaire.

Auprès de beaucoup de Napolitains, Demeglio obtient la préférence, parce que le mécanisme de ses instrumens se prête du premier abord au jeu brillant, et parce que, dans les plus neufs, le son est tout de suite mélodieux, et n'exige pas, pour être produit, un aussi grand emploi de force que ceux de Molitor. Ils ne se distinguent pas par la durée, et ne tiennent particulièrement pas très long-temps l'accord. Je ne prétends pas cependant abaisser leur mégite, et quand j'aurai dit que Clementi, Cramer, Hummel, préféreraient, pour jouer dans un concert, un piano de Molitor, tandis que Ries, Moscheles et Lanza, choisiraient un instrument de Demeglio, j'aurai, je crois, donné, sans partialité, une idée véritable du mérite relatif des instrumens de ces deux facteurs. Demeglio demeure Strada S.-Calterina di Sienna." Revue musicale, Volume 4, François-Joseph Fétis, 1829, p. 152-153  - Vedete MOLITOR

 

Med aglia d'oro alla Mostra del Lavoro, Napoli 1800 | Medaglia d'oro Napoli, 1828 | Medaglia d'oro Napoli, 1832 | Medaglia d'oro, 1838 | Brevetto privativa, 1840 | Medaglia di argento Napoli, 1844 | Elenco d'esposizione Napoli, 1853 | Elenco d'esposizione Firenze, 1861 | Parigi, 1867 | Medaglia d'oro, Napoli, 1890

 
 

PRESTINARI Giuseppe

(1777 - 1844) 

 

1810  

Un fortepiano del costruttore viennese KARL FUCHS e si puo' datare all'incirca al 1820. Come risultà dall'etichetta fu venduto a Milano nel negozio di Domenico Prestinari.

Pianoforte di 'Carlo FUCHS', del negozio di Prestinari a Milano.

 Pianoforte a tavola ca. 1825-40, Museo degli Strumenti Musicali, Castello Sforzesco, Milano, Italia

PRESTINARI
su questo sito

PUBBLICITÀ

 

Milano  

4120, corso de' Moroni (**1820)(**1821)(**1822)

 3993, contrada de’ Nobili [casa Pestalozza] (**1824)(**1826)(**1827)(**1828)(**1829)(***1829)(**1831)(**1833)(**1834)(**1836)(***1836)(**1837)(x1838)(**1839)(**1841)(**1842)(**1846)(**1853)(**1854)(***1855)(**1857)(***1858)(**1859)

12, via Unione (**1870)(**1871)(**1873)(**1879)

 

'Fabbricante di pianoforti a tavola' e organi (?), 1810-40 circa (5) p. 161

PRESTINARI Sorelle, negozianti di pianoforti (**1854)(***1855)(**1871)(**1873)(**1879)

Succ. per RICORDI & FINZI (°1882)

ETICHETTA

 

 

1807

 

 

Se nel 1807 a Napoli c'erano 26 cembalari, quarant'anni dopo si registravano 93 fabbriche di pianoforti, di cui 20 di costruttori stranieri stabilitisi a Napoli; si trattava in gran parte di imprese artigianali, molte delle quali con una lunga tradizione alle spalle, come la famiglia Fabbricatore, che dalla seconda metà del Settecento si era distinta per la produzione di strumenti a corde e che nell'Ottocento si era espansa anche nel settore dell'editoria.

 

           
 

CIPOLLONE Quirino

 

1810

 

 Pianoforte n° 56 del'800, appartenuto al compositore Francesco Masciangelo, Lanciano, Italia

Lanciano (Chieti) ?

 

Compositore (?) e 'Fabbricante di pianoforti' a tavola (7)

Seguito da DI DIEGO Luigi e Giuseppe (°1870)

 

INFO EXTRA

QUIRINO nel 'Abruzzo Cultura'

 

 

1864

MARINI Charles
| MARINIEN
1812

 

 Pianoforte a tavola del 1812, Cité des Arts, Chambéry, France, Francia

FOTO EXTRA

Pianoforte a tavola carré de 1812

   

Clicca per ingrandire le foto

 

Torino ?

'Fabbricante di pianoforti' a tavola (1)

'Fabbricante di pianoforti' (xx1838)

 

 

BERRA Giovanni

 

 

1820

INFO EXTRA

I BERRA : UNA FAMIGLIA TORINESE DI COSTRUTTORI DI PIANOFORTI

 

VEDETE ANCHE ...

BERRA Cesare (°1851)

Torino 20, Casa Fiore (1800)

21, via Mercanti (1836-43)(10)

via San Teresa (1845-53)(10)

 

'Fabbricante di pianoforti' a tavolino (13) p. 12, (12) p. 443

Pianoforti a tavolino e pianoforti verticali

Il capostipite Giovanni Berra inizia la sua attività a Torino intorno al 1820 e può essere considerato uno dei precursori di quella che sarà, lungo il corso di tutto il secolo e fino alla metà del '900, una fiorente produzione locale. Il none di Giovanni Berra spicca, assieme a quello di Francesco Weiss e Giuseppe Marchisio, tra i sei riportati nelle guide di Torino del 1836 alla voce Negozianti di piano-forte.

BERRA Giovanni (ca. 1820 ?? - 1884)(10)(xx1854)(xx1855) prima del 1858

 

   
DE MEGLIO Giovanni 1828

 

Pianoforti e pianoforti a coda

'Fabbrica di Pianoforti e deposito di Piani esteri, Casa fondata nel 1800, si costruiscono Mandole e Mandolini privilegiati, Traforo Armonico e Pressione alle corde.'

DE MEGLIO
su questo sito

ESPOSIZIONI

Cliccate sui link qui sopra.

 

Napoli 11, strada S. Mattia (**1832)

Fabbrica : 20, vicolo secondo Porteria S. Tommaso d'Aquino (x1844)(*1845)(*1854)(xxx1855)

14, Strada Trinità degli Spagnoli (xxx1855)

3, vico Pietro a Majello (*1893)

53, Vicolo Lungo Gelso (*1895)(*1896)

Piazza N. Amore (1902)

248, Corso Umberto I Rettililo (*1903)(*1905)(*1906)

via Roma (*1909)(*1910)

317, via Roma (*1929)

'Fabbricanti di pianoforti' e mandolini (*1845)

Pianoforti e pianoforti a coda, 1880 circa (5)

Figlio di Carlo DE MEGLIO (°1800), su questa pagina.

DE MEGLIO Fratelli o DE MEGLIO Carlo e Giovanni (**1832)(*1845)(*1854)(xxx1855)

DE MEGLIO Giovanni (**1856)

DE MEGLIO Giovanni e Figlio (1890)(etichetta in un mandolino dal 1895 : Forntorini della real casa Cav. Giovanni de Meglio e figlio Fabbrica di Piano-forti e deposito di Piani esteri, Casa fondata nel 1800, Si costruiscono Mandole e mandolini privilegiati, Trafono Armonico e Pressione alle corde, Medaglie d'oro alla nostra del lavoro, Napoli 1890, Napoli - Vico Lungo Gelso, 53, Anno 1895)

DE MEGLIO Leopoldo (*1862), figlio di Giovanni DE MEGLIO.

DE MEGLIO e Figli (*1893)(*1895)

GUNI e Figlio, successori (*1903)(*1905)(*1906)(*1907)(*1909)(*1910)

 

Medaglia d'oro Napoli, 1828 | Medaglia d'oro Napoli, 1832 | Medaglia d'oro, 1838 | Brevetto privativa, 1840 | Medaglia di argento Napoli, 1844 | Elenco d'esposizione Napoli, 1853 | Elenco d'esposizione Firenze, 1861 | Parigi, 1867 | Medaglia de merita Vienna, 1873 | Medaglia d'oro, Napoli, 1890

 
BERLYANS Luigi
| BERLIANS

(ca. 1782 - ?)

1830

Piano a coda ca. 1846, Collezione granducale del Conservatorio Cherubini, Firenze, Italia

"Fabbrica di Pian-forti a Firenze, ed a Milano.
Nella fabbrica Berlyans di Firenze si non terminati quattro Pian forti col Pancone di metallo ed altre particolarità per maggiore stabilita, una bella invenzione di Monsieur Berlyans, de’ quali tre sono esitati con grande onore dell'Autore. Adesso si son finiti altri due Pian-forti particolari, che si terranno a posta per chiunque vorrà tenere accademia, i quali sono posti in una gran Sala ed invita tutti i sigg. Maestri e Dilettanti, che avranno piacere di sentirli.
ln detta fabbrica si trovano de’ Pian forti di meccanismo inglese. Di più un deposito di Pian forti usati di diversi Autori da vendersi e darsi a nolo. A motivo delle molte ordinazioni per la bella sua invenzione di quel gli strumenti, ha ingrandita la sua fabbrica, o fa sapere che prende chiunque lavorante che si presenterà in detta fabbrica.
Detto fabbricante fa sapere che manda i Pian-forti ai compratori dentro Toscana franchi di trasporto, e di qualunque altra spesa. [...]" L'Eco, giornale di scienze, lettere, arti, mode e teatri, Volume 8, 1835, p. 447

Firenze via de'Neri (***1856)

via Ghibellina (***1863)

2, Borgo degli Albizi (*1893)

 

'Fabbricante di pianoforti'

Erano i primi per introdurre la doppia azione dello scappamento di ERARD.

Figlio di Carlo DE MEGLIO (°1800)

FIRENZE - "Altro pian-forte egregiamente lavorato presenta fuori di concorso il signor Luigi Berlyans di Firenze. In questo strumento è ammirabile la costruzione e posizione dei martelli, ai quali è adattato tal meccanismo per cui la voce prodotta viene notabilmente prolungata." Relazioni Intorno Alla Terza Riunione tenuta in Firenze nel 1841, p. 241 o Annali di fisica, chimica e matematiche, Volumes 3 à 4, 1841, p. 311

FIRENZE - "9. LUIGI BERLIANS di Firenze. Due piano-forti verticali e due piano-forti orizzontali." Catalogo dei prodotti naturali e industriali della Toscana presentati all ..., 1854, p. 128

PARIGI - "Il existe d'excellentes fabriques d'instruments harmoniques à Bologne, Césène, Pésaro. En Toscane, les meilleurs pianos droits sont ceux des frères Reali, et ceux à queue de M. Berlyans, et les meilleures orgues sont celles fabriquées par Antoine et Michelange Ducci, de Florence, et par Landi, de Sienne." L'Italie économique, avec un aperçu des industries italiennes à l'Exposition, 1867, p. 275

"M. Berlyans, fabricant de pianos à Florence, âgé de 76 ans, avait un énorme calcul dans la vessie. Les douleurs, les besoins fréquents d'uriner, de formidables hématuries, etc., etc., ne lui laissaient'plus ni trêve ni repos. La santé était si délabrée que l'on taxait de folie mon projet de le guérir par la lithotritie. Pour la litholomie, autant aurait valu le condamner immédiatement à mort sans merci ni pitié. [...]" Le vrai trésor de la santé, ou Doctrine nouvelle sur l'origine, la nature ..., Constant Crommelinck, 1868, p. 278

 

Elenco d'esposizione Firenze, 1841 | Elenco d'esposizione Firenze, 1854 | Elenco d'exposizione Parigi, 1867

1888

DUCCI Michelangelo e Antonio 1830

 

Pianoforte de ca. 18??, Collezione (privata?), Salento, Italia

"Abbiamo pure da ricordare fra gli oggetti di mobilia, gli eccellenti piano forti che si fabbricano alla Piazza presso S. Donato in Poggio nel Chianti dal Sig. Michele Angiolo Ducci, i quali per finitezza di lavoro e per dolcezza d'armonia nulla hanno da invidiare ai migliori fabbricati in Germania." Rapporto delle adunanze tenute dalla terza classe dell'I. e R. Accademia, 1838, p. 102

"Piano-forti di Vienna a prezzi fissi. Antonio e Michelange Ducci, fabbricatori d'organi, piano-forti e fisarmoniche in Firenze, via Evangelista, nel palazzo Gondi, si fanno un dovere di avvisare i loro ricorrenti che attese le molte occupazioni riguardanti la loro professione onde facilitare i contratti dei piano-forti di Vienna del loro deposito situato in detto locale, hanno stabilito i prezzi fissi come appresso.
Piano-forti a coda, di legno-noce, con cinque registri, estesi ottave sei e mezzo, con più il 'sol'.

 

 

Zecchini

Pottié . . . . . . . . . . . . . . . 70
Simon, vera copia dei piano-forti Graf . . . . 61
Bayer . . . . . . . . . . . . . . . 51
Bayer con incordatura all'inglese, estesi fini al 'la'. 55
Scott estasi fino al 'la'. . . 50
Paridon . . . . . . . . . . . . . . . 46
Paridon con cassa elegante all'inglese . . . 49
Schrimpf . . . . . . . . . . . . . . 45
Schrimpf con cassa elegante alla francese . . . 46
Dohnal . . . . . . . . . . . . . . . 47
Dohnal a coda corta . . . 38
Dorr . . . . . . . . . . . . . . . 45

I suddetti offrono la vistosa diminuzione di valore che resulta dai prezzi di sopra stabiliti, sprando di trovare il loro conto nello smercio, contentandosi di un tenne guadagno, d'altronde si lusingano con certezza di contentare il genio dei ricorrenti, essendo stati da loro stessi a Vienna, e lasciatovi persone abili incaricate di visitare gli istrumenti, e rigettare quelli che fossero trovati difettosi.
Presso i medesimi trovansi pure molti altri piano-forti a coda e a tavolino delle migliori fabbriche di Vienna, dei quali hanno creduto inutile stabilire i prezzi, riservandosi a far ció, quando saranno conosciuti più comunemente i loro autori.
Si ricevono commissioni di piano-forti per tutti gli autori di Vienna e di Parigi.
In tutta la Toscana chi commettesse piano-forti ai suddetti, gli potrà ricevere direttamente da Vienna, franchi di porto, al prezzo suddetto in qualunque della città doganali di Toscana e del Ducato di Lucca che gli piacesse di scegliere; purchè sian date in tempo le relative commissioni di più saranno garantiti per la qualità richiesta.
Si avvertono i signori commettenti che se a caso gli strumenti che riceveranno non fossero di loro piena soddisfazione son pregati a render ne subito intesi i soprascritti da cui saranno ricevuti e cambiati in altri da scegliersi a piacere al detto loro deposito, sempre a prezzo di lista." La Moda. Giornale dedicato al bel sesso. (Estensore: Francesco Lampato), 1841, p. 244  - Vedete POTTJE, SIMON, BAYER, SCOTT, PARIDON, SCHRIMPF, DOHNAL e DORR (°1837)

 

Varlungo, Firenze Piazza presso S. Donato in Poggio nel Chianti (***1838)

via Evangelista, nel palazzo Gondi (*1841)

[2], Piazza San Geatano (***1856)(***1863)

40 pianoforti per mese

 

'Fabbricanti di pianoforti'

Michele Angiolo DUCCI (***1838)

'Machina d'impiallacciatura idraulico'; in 1841 dai fratelli Antonio e Michelangelo Ducci, di cui la ditta di pianoforte è fiorito a Firenze a partire da 1830 a 1847 (5) p. 57

Pianoforti come Carl Andreas STEIN (7)

"Pianoforti e Organi. Michelangiolo Ducci di Monte-Castello ha intrapreso da qualche anno la fabbricazione dei piano-forti con tal precisione e bellezza meccanica, e con tanta dolcezza di suono, da meritar la menzione onorevole. ll Ducci valendosi in tali opere dell'abete nostrale bene scelto, lo ba fatto riconoscere atto pei piani armonici quanto quello di Germania; ed è sperabile che questa fabbricazione possa prendere tanto piede da non aver bisogno di far venire di colà i piano-forti. Abbiamo 7 tra fabbricatori di piano-forti e di organi." Enciclopedia del negoziante ossia gran dizionario del commercio dell ..., 1843, p. 2458-2459

Giuseppe DUCCI e Compagnia, dal 1866

"Col privato atto de'24 febbraio 1866, recognito ser Vincenslao Querci, Giuseppe e Luigi del fu sig. Antonio Ducci possidenti e negozianti domiciliati in Firenze hanno fra loro constituita una Società commerciale per la fabbricazione dei piano-forti. La residenza della Società è posta fuori la Porta alla Croce, sulla R. via del Ponte a Sieve a numero comunale 178 presso Varlango. La ragion di commercio è la seguente: Giuseppe Ducci e Compagnia. Giuseppe Ducci è reggente e direttore della Società e fabbricazione. Le obbligazioni della Società si emettono con la firma d'ambedue i soci. I capitali sociali sono stati fissati in italiane lire 20,000 salva la facoltà d'aumentarli occorrendo.- La Società ha avuto il suo principio nel suddetto giorno ed avrà la durata di anni dieci con facoltà di prorogarla per anni cinque quando non avvenisse la disdetta sei mesi prima dello spirar del decennio. Firenze, il 26 febbaio 1866. Giuseppe DUCCI - Luigi DUCCI. Visto per la legalità, e verità delle retroscritte firme del sigg. Giuseppe e Luigi Ducci." Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia N. 061 del 2 Marzo 1866

Il fratelli Ducci finalmente produrrebbero fino a 40 piani per mese. 

DUCCI Fratelli
su questo sito

ESPOSIZIONI

Cliccate sui link qui sopra.

IL TRIBUNALE

I fratelli DUCCI contro il signor Angiolo DE SIMONE in Annali di giurisprudenza : raccolta di decisioni della Suprema, Volume 19, 1857, p. 2070-2071

VEDETE ANCHE ...

  ... altri fabbricanti con il nome 'DUCCI'

Menzione onorevole Firenze, 1833 | Medaglia d'oro di 1° classe, Firenze, 1841 : Elenco d'esposizione Firenze, 1844

1888

LACHIN Nicolo 1830

 

Pianoforte a coda ca. 1854, Collezione Fondazione Musicale Masiero e Centanin, Padova, Italia

FIRENZE - "Piano-forte a coda di 7 ottave, con cassa di magogano, prezzo L. 2100. Buono strumento: voce eguale, bassi eccellenti: meccanismo eseguito per intiero nella fabbrica dell'esponente, che corrisponde appieno a tutte le esigenze musicali e meccaniche in modo da non invidiare i Piano-forti di Pleyel." Consiglio dei giurati: Cenno sommario dui giudizi emessi dalla commissione ...', 1861

FIRENZE - "Lachin Niccolò di Padova, ha esposto un piano-forte a coda di 7 ottave, con cassa di mogogon del prezzo di lire 2100. Assai buono è questo strumento, che ha bassi eccellenti, voce di bella eguaglianza, ed un meccanismo d'intiera fabbricazione dell'esponente, il quale corrisponde appieno a tutte le esigenze dell'arte. Questo strumento è specialmente notabile per una triplice smorziera. Dicesi che questo fabbricante, oltre al costruire per intiero i pezzi del meccanismo nella sua fabbrica, ne faccia anche commercio con l'estero. A questo espositore pertanto la Sezione propone il conferimento della medaglia." Expo Firenze - Esposizione italiana tenuta in Firenze nel 1861, Volume 2, 1861

FIRENZE - "LACHIN Niccolò, Padova. [Istituto Veneto e Padovano "2 O. 1851.] — Pianoforte da concerto." Expo Firenze Catalogo officiale pubblicato per ordine della Commissione reale, 1861

PARIGI - "Anche il signor Aimonino e i fratelli Marchisio di Torino, e il De Meglio di Napoli, vanno rammentati per pianoforti in cui si veggono de'lodevoli tentativi per il loro perfezionamento; ma più di tutti il sig. Vincenzo Lachin di Padova e il sig. Maltarello di Vicenza per i loro pianoforti a coda, pregevolissimi per forza e dolcezza di suono." L'Italia alla esposizione universale di Parigi nel 1867, rassegna critica, 1867, p. 348

PARIGI - "Lachin Nicolas, Padouc.— Piano à queue, en bois d'acajou de grandeur movenne. Méd. Florence, 1861" Expo Parigi L'Italie économique, avec un aperçu des industries italiennes à l'Exposition ...‎, 1867

PARIGI - "25. Lachin (Nicolas), à Padoue. - Piano à queue en bois d'acajou" Catalogue général: Exposition Universelle de 1867 à Paris, Volume 1, 1867, p. 126

VENEZIA - "FABBRICA LACHIN. - pianoforti il sig. Nicolò Lachin, fabbricatore di piano-forti, fu (Padova). Lachin, alunno del celebre Gregorio Trentin, che fra noi fu il conservatore, o meglio, il riproduttore di tutti quei miglioramenti che nell'arte di fabbricare i piano-forti erano stati fino al suo tempo ottenuti. Il Lachin s'industriò di migliorare la impernatura eia forcellina dei martelletti e i capo-tasti delle corde acute, e di assottigliare nella parte anteriore la ossatura del pianoforte, aumentando cosi notabilmente la forza del suono. I suoni di questi piano-forti riescono vivi e spiccati, e la tastiera fu lodata per la sua mobilità, e per quella prontezza di rispondere al tocco, che rende perfetta la esecuzione delle note ribattute. (il seguito )

 

Padova via Selciato del Santo (x1855)

[4021], via Santo (*1903)(*1905)(*1906)(*1907)(*1909)(*1910)(*1921)(*1922)(*1929)

 

Pianoforti verticale ed a coda ed armonium

'Fabbricante di pianoforti', 'negoziante di pianoforti di Vienna', 1830 circa (5) p. 160, (12) p. 443

"allievo del distinto sig. Abate Trentin" (**1846) - Vedete TRENTIN

Piani con Pleyel azione (7)


(il segiuto)

L'illustre Thalberg dichiarò, che il piano-forte fabbricato dal Lachin alla foggia viennese è di un grandissimo merito, e che quello fabbricalo sul modello del Pleyel nulla lascia a desiderare, e pella. bontà intrinseca dello strumento, e per la finezza ed eleganza delle singole parti. Il prezzo dei piano-forti del Lachin, a confronto di quello dei piano-forli del Pleyel, offre un rispaimio che, a seconda dei casi, varia e si estende dalle austr. Alla esposizione di Padova nel 1869 piacquero due pianoforti esposti dal Lachin: in essi la tastiera constava di sette ottave complete: nell'uno, in cui la tavola armonica era armata di quattro spranghe di ferro, il meccanismo della tastiera e degli smorzatori fu seguito il metodo delle grandi fabbriche di Parigi; nell'altro, a tre spranghe, quello delle fabbriche di Vienna. Il timbro era perfetto e i snoni dolcissimi." Relazione degli oggetti presentati al concorso di agricoltura e d'industria in Venezia nell'anno 1854, p. 41-42 (archive.org)

"Il sig. Nicola Lachin, negoziante e fabricatore di piano-forti in Padova, allievo del distinto sig. abate Trentin, tiene un deposito abbondante di scelli clavicembali delle fabriche più celebrate di Vienna, e ne fa un abbondante commercio a prezzi moderatissimi. Egli sempre più operoso ed innamorato delle recenti riforme e perfezionamenti, per cui le fabriche di Marsiglia si avvantaggiarono su quelle della Germania, si è messo in corrispondenza con la casa Boisselot, e già il primo strumento, non appena giunto alla sua officina, allogò sull'istante, ed altri ne aspetta fra poco che possono dirsi il compendio della perfezione sott'ogni rapporto.

Eleganza nella forma, lavoro finito con intarsii di ottone all'esterno, costruzione interna maravigliosa con rinforzi di ferro fuso; di facile maneggio, di sempre eguale registro, di suono forte e dilicato ad un tempo, armonioso nei soprani, pieno e vibrato nei bassi : ecco i pregi non pochi di questo nuovo modello della casa Boisselot, a cui si aggiunga il sistema dei suoni sostenuti a piacimento.

Sia lode pertanto al bravo ed intraprendente Lachin per averci fatto conoscere ed apprezzare così rilevanti modificazioni e miglioramenti della scuola francese che raggiunse finora il più allo grado di perfezionamento, da notarsi nella storia della fabricazione dei Piano-forti." Il Caffè Pedrocchi, 22/03/1846, p. 94

"Nè lascierai di visitare la fabrica premiata di piano-forti di Nicolò Lachin in Via Selciato del Santo; nel quale artista riscontrerai l’arte coltivata con vera passione, per cui non gli riesce difficile di emulare i migliori fabricatori di Germania, accostandosi i suoi pianoforti, nel pregio e nella qualità, ai migliori che vengono di Francia; adoperando nel costruirli materie nostrali, se ne togli i feltri e le corde, che riceve d’Inghilterra, al paro de’ fabricatori di Parigi, di Marsiglia e dell’austriaca Vienna." Nuova guida di Padova e suoi dintorni con disegni di Marco Moro. - Padova, 1855, p. 186

ARTICOLO

"Altri però vi sono oppositori sinceri e candidi, fra i quali dobbiam nominare principalmente l'Annotatore friulano citato nella Gazzetta ufficiale di Venezia. La quale dopo avere ai 24 Marzo 1855 N. 69 accennato con lode al Violicembalo del P. Taparelli, inserisce imparzialmente nel n. 82 (10 Aprile) una rettificazione dell'Annotatore friulano: secondo il quale questo istrumento fu inventato, 30 anni sono, dall'Abate Gregorio Trentin padovano, il primo che abbia posto in onore i pianoforti italiani, istitutore e maestro di Nicolò Lachin, attuale fabbricatore rinomato di Pianoforti in Padova, che ottenne gli onori degli elogi del Pianista Thalberg, e fu premiato con medaglia d'oro dall'1. R. Istituto in Venezia. L'Editore del giornale L'Armonia può trattare questo istrumento esistente nel negozio Lachin in Padova, nel quale suonando sopra una tastiera da forte piano n'escono i suoni di Viola e di Violoncello. È singolare la coincidenza cosi dell'istrumento come del nome, imperocché anche l'ab. Trentin lo fregiò di quello di Violicembalo. [...]" La Civiltà cattolica, 1855, p. 493

 

Medaglia d'oro dell’Istituto Lombardo, Venezia, 1854 |
Medaglia d'oro dall'I.R. Istituto Veneto,
1854 |
Medaglia d'oro dall'J.B. Instito Venezia, 1855 | Elenco d'esposizione Firenze, 1861

 
MARCHISIO

 

 

1830  

TITOLO

'Fabbricanti Pianoforti, proveditori delle LL. MM. il Re d'Italia ed il Re di Portogallo'(**1872)

TORINO - "2465. Aymonino Giacinto, Torino. [Torino A. 1858]. — Pianoforti e Armonio." Atti officiali della Esposizione italiana agraria, industriale e artistica" 1861, p. 121-123

PARIGI - "[...] Anche il signor Aimonino e i fratelli Marchisio di Torino, e il De Meglio di Napoli, vanno rammentati per pianoforti in cui si veggono de'lodevoli tentativi per il loro perfezionamento" L'Italia alla esposizione universale di Parigi nel 1867, rassegna critica ..., p. 348

PARIGI - "21. Marchisio frères, Turin. — Piano staticophone à cordes obliques, en bois de noyer sculpté, à système d'équilibre ou de compensation entre la puissance (corde) et la résistance (barres de fer).— Piano avec sculptures de MM. Bertolozzi et Ferri de Sienne. Clavecin staticophone en noyer à cordes obliques.— Production annuelle: 250 clavecins de différents modèles.—Prix: 600 à 1,800 fr. chacun. — Scies circulaires, couteaux à machines, tours.— Matières premières indigènes et étrangères. — Débouché: Italie, étranger. [1489.] " L'Italie économique, avec un aperçu des industries italiennes à l'Exposition, 1868, p. 202 e Catalogue général: Exposition Universelle de 1867 à Paris, Volume 1, 1867, p. 126

PARIGI - "La sculpture sur bois figure dans l'exposition du mobilier. On notera de beaux supports de très jolis encadrements de feuillages et de fruits. Nous passerions bien sous silence le piano des frères MARCHINO [sic] de Turin, car nous savons que les pianos sculptés ne sont pas en faveur. Le public n'admet guère cette alliance des deux arts; la musique pourrait souffrir des soins donnés à l'ornementation. Mais ce piano doit trouver grâce. Ses trois reliefs (bande d'amours qui jouent ensemble), les deux amours qui portent négligemment à chaque coin les candélabres, sont des sculptures fort jolies. Dût-on ne jamais jouer de ce piano, on voudrait le posséder chez soi au moins pour le voir." Les curiosités de l'Exposition Universelle de 1867 suivi d'un indicateur, 1867, p. 118-119

TORINO - "Marchisio Fratelli di Torino. Inventori del Piano-forte da essi appellato staticofone. Ritrovato che aggiunge forza e solidità all'istrumento. — Premio di I Classe." Expo Torino - Torino e le sue vie, Giuseppe Torricella, 1868

PARIGI - "Je préfère les pianos demi-obliques de MM. Marchisio frères, de Turin. La sonorité est égale et distinguée, le clavier facile, les caisses, en chêne sculpté, accusent la patrie des arts plastiques." La musique, les musiciencs, et les instruments de musique chez les ..., Jean Pierre Oscar Comettant, 1869, p. 657

TORINO - "Marchisio Fratelli di Torino. Inventori del Piano-forte da essi appellato staticòfone. Ritrovato che aggiunge forza e solidità all'istrumento. — Premio di I Classe." Rivista contemporanea, Volume 54, 1871

Vedete il seguito

"Al magazzino di Giuseppe Marchisio accanto San Francesco di Torino è giunta una quantità di pianoforti a coda ed a tavola dei migliori autori di Vienna, che può facilitare molto nei prezzi. Oltre a questi tiene un piano-forte a coda di nuova costruzione con due tastiere, e filarmonica dentro." Gazzetta piemontese 1832, p. 246

"VENDITE ED AFFITTAMENTI - Casse da pianoforti in quantità, di varie dimensioni: da vendere. Ricapito al magazzino di pianoforti di G. Marchisio, piazza san Carlo, palazzo dell'Academia Filarmonica, n. 6, pianno terreno" Gazzetta del popolo, Nummers 1-310, 1850

"Casa fondata nel 1830 Fratelli Marchisio,inventori del Pianoforte Staticofone, Negozianti e fabbricanti Pianoforti, proveditori delle LL. MM. il Re d'Italia ed il Re di Portogallo. Assortimento di Pianoforti dlle più riniate fabbriche Estere, per vendita e per nolo. Salone per concerti. Grande laboratorio per ristauri di Pianoforti. Deposito degli organi-Alexandre. Torino (Via Rossini, 8 e 10, con succursale a Roma, via Frattina, 134-135 e via Mario de' Fiori, 1-2" Economista di Roma, rivista ebdomadaria, 07/01/1872, p. 1

 

Torino

Roma

13, via S. Francesco d'Assisi (1838-39)(10)

13, via S. Francesco d'Assisi e Borgo Nuovo, 16, contrada della Meridiana (1842-51)(10)

6, piazza San Carlo, palazzo dell'Academia Filarmonica (1848)(10)(1850)

4, piazza S. Carlo (1852)(10)

11, piazza Vittorio Emanuele (1854-58)(10)

2, via San Teresa (1859-62)(10)

 8, via dell'Ippodromo (1863-74)(10)(xx1868)

8, via Rossini (xx1871)

8-10, via Rossini (*1871-72)(**1872)

 7, via Principe Amedeo (1875-76)(10)

29, via Barbaroux (1879-81)(10)

11, Piazza Vittorio (?), piano nobile

a Torino

134-135, via Frattina (x1871)(**1872)

1-2, via Mario de' Fiori (x1871)(**1872)

a Roma (succursale)

 

'Fabbricante di pianoforti' (18)

 Famiglia di musicisti piemontesi, originaria di Buttigliera d'Asti, trasferitasi a Torino. (16)

MARCHISIO Pierantonio (16), fabbricante di pianoforti

MARCHISIO Sebastiano, padre (?) e fabbricante di cembali e i primi pianoforti

MARCHISIO Giuseppe Antonio (1795 - 1858)(1836-52)(10)

MARCHISIO Antonio - "MARCHISIO ANTONIO, professore e compositore, nacque a Bottigliera d'Asti il 19 febbraio 1817 e morì a Torino nel 1875." I maestri di musica italiani del secolo xix: notizie biografiche, 1834, p. 106

MARCHISIO Frères [MARCHISIO Fratelli](1854-76)(10), Antonio e Giuseppe

MARCHISIO Giuseppe Enrico (1831 - 1903)(1879-81)(10), "MARCHISIO GIUSEPPE ENRICO, pianista e compositore, nacque a Torino l'otto marzo 1831." I maestri di musica italiani del secolo xix: notizie biografiche, 1834, p. 106


(il seguito)

PARIGI - "Anche il signor Aimonino e i fratelli Marchisio di Torino, e il De Meglio di Napoli, vanno rammentati per pianoforti in cui si veggono de'lodevoli tentativi per il loro perfezionamento; ma più di tutti il sig. Vincenzo Lachin di Padova e il sig. Maltarello di Vicenza per i loro pianoforti a coda, pregevolissimi per forza e dolcezza di suono." L'Italia alla esposizione universale di Parigi nel 1867, rassegna critica, 1867, p. 348

TORINO - "In questa casa, con le attigue sue dipendenze, tengono i fratelli Marchisio il loro Stabilimento per la fabbricazione di pianoforti. In essa sono impiegati ottanta operai, e annualmente si producono dai 250 ai 300 istrumenti, numero che prova in quanto credito son tenuti i pianoforti che escono dalla vasta fabbrica, i quali non temono il confronto dei migliori di Francia e di Germania. La casa di commercio dei fratelli Marchisio sussiste fin dal 1830. Questa famiglia, che conta le due sorelle Carlotta e Barbara, note per la loro valentia nel mondo teatrale, il maestro di musica e di canto cav. Antonio, il concertista di pianoforte cav. Giuseppe, ed Enrico direttore dello Stabilimento, è eminentemente artistica e industriale." Torino e le sue vie, Giuseppe Torricella, 1868

TORINO - "131 Marchisio fratelli, Via Ippodromo, 8. Pianoforte di legno noce, scolpito." Rivista contemporanea nazionale italiana, 1868, p. 278

TORINO - "Marchisio Fratelli di Torino. Inventori del Piano-forte da essi appellalo staticofone. Ritrovato che aggiunge forza e solidità all'istrumento. — Premio di I Classe." Rivista contemporanea, Volume 54, 1868, p. 93

TORINO - "pianoforti a coda" e "Pianoforte detto Staticofone" Expo Torino 1868 (10)

Brevetto del 1867 : "Marchisio G. E. a Torino. Pianoforte staticofone. " L'Italie économique, avec un aperçu des industries italiennes à l'Exposition ...‎, 1867 e Annuario scientifico ed industriale: rivista annuale delle scienze d ..., 1867, p. 631

"Marchisio frères, Turin. — Piano staticophone à cordes obliques, en bois de noyer sculpté, à système d'équilibre ou de compensation entre la puissance (cordes et la résistance (barres de fer)." L'Italie économique, avec un aperçu des industries italiennes à l'Exposition ...‎, 1867

Brevetto del 1900 : "296992. Brevet de quinze ans, 8 février 1900; Marchisio, représenté par la société Thirion et Bonnet, à Paris, boulevard- Beaumarchais n° 95. Délie doigts Marchisio pour accélérer la partie mécanique de l'étude du piano et autres instruments de musique." Bulletin des lois de la République française, 07/1901, p. 1738 (Gallica)

THE SIENA PIANO

Ecco un articolo sul un pianoforte forse fatto per MARCHISIO di Torino. The Siena Piano. Vedete anche il commento alla mostra a Parigi nel 1867 ["pianos sculptés par Bertolozzi et Ferri, de Sienne."] E vedete i commenti sull' exposizione del 1867

PUB

Marchisio in Guida generale di Torino 1871-72 p. 282

 

Elenco d'esposizione Firenze, 1861 | Elenco d'esposizione Parigi, 1867 | Medaglia di prima classe Torino, 1868 | Premio di I Classe Torino, 1871

 
FEDERICO Fratelli
| FEDERICI

 

 

1831  

Fortepiano a coda e a muro

Brevetto di 1837 : "Nuovo mezzo escogitato dal M. di cappella napolitano, sig. Luigi Pastina posto in pratica da’ signori fratelli Federici, fabbricanti di Pianoforti in Napoli per la infallibìlità della tastiera di detto strumento, e per la esatterra della esecuzione nel suonare.
L'invenzione è la seguente.
Al di sotto di ciaschedun tasto esiste una piccola molla proporzionata al bilancino ed alla molla opposta, in modo che, calato il tasto non una, ma mille volte, si rimette sempre al suo luogo, rendendolo nè troppo duro, nè troppo debole, senza che mai possa fallire, e ciò evita anche che il martello possa uscire fuori del monachetto, che è situato dietro la bracciola : quindi pare che si sia trovato ciocche in tanti anni non si è potuto, e ciò che sempre si desiderava per rendere perfetto questo strumento." La Fama. Giornale di scienze, lettere, arti, in. dustria e teatri, Vol. 2, 1837, p. 148

Brevetto a Napoli, 1860: "FEDERICO Pasquale ed Angelo. Perfezionamenti alla fabbricazione dei pianoforti. S. A. 7 settembre 1860." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ..., Volume 10, Napoli, 1863, p. 200-201

NAPOLI - "Manifattura di pianoforti de’ fratelli Federico sita nella strada Speranzella N.° 100.
Pianoforte di legno palissandro a sei ottave e mezzo, e due tasti, con due pedaliere, e con la spina di ottone divisa a pezzi sino alla estremità degli acuti. La spina di ottone è portata in questo pianoforte per tutta l’ intera cordiera, e la fascia che mantiene la cordiera è di ottone. Il suo meccanismo è all’ uso inglese, ed evvi lo smorzo costrutto in modo che non produce alcun rumore. Il costo è duc. 450."
Elenco di saggi de prodotti della industria napolitana presentati nella ..., 1842, p. 46

NAPOLI - "Essi sono con tastiera di sette ottave e due tasti, come similmente l'è costrutto il pianoforte di Egidio Helzel, e l'altro di Angelo Federici." Expo Napoli - Rapporto letto al Real Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali, Francesco Cantarelli, 1844

NAPOLI - "Fabbrica di pianoforti dei fratelli Pasquale ed Agnello Federico, in via Speranzella N.° 100. Pianoforte di legno mogano a sei ottave e mezzo, e due tasti, con tre pedaliere, per duc. 260." Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana presentati nella ..., 1844, p. 53

(il seguito )

 

Napoli 118, vico lungo del Gelso (*1836)

100, via Speranzella (*1842)(**1844)(*1845)(*1854)(xxx1855)(**1856)(*1893)

 

'Fabbricate di fortepiani

FEDERICO Fratelli o (Pasquale ed Antonio)(*1836)

FEDERICO Pasquale ed Angelo (***1853)(***1855)(*1863)

FEDERICO Fratelli (*1893)

Fortepiani verticale e fortepiani a coda (nella forma ERARD - Paris), (5) p. 56, o da confrontare con i modelli di PREISIG a Napoli.


(il seguito)

NAPOLI - "Bella e numerosa si è mostrata la fabbricazione degli strumenti musicali in questo concorso industriale. Non meno di un'arpa, un pianoforte ad arpa, e nove pianoforti di svariate forme ne contiene la gran Sala, de'quali alcuni sono di legni esotici, altri di legni nostrali, ma quasi tutti rassomigliansi per gli ornamenti che li decorano, e per la eleganza e precisione con cui sono lavorati. Dei diversi meccanismi di pianoforti parlammo dettagliatamente nel nostro rapporto sulla mostra dell'anno 1838, e conseguentemente ora accenneremo solo qualche particolare che merita la vostra attenzione. La meccanica e lo scappamento del pianoforte de'soci Giovanni Schmid e Giacomo Eppler sono all'uso inglese, e ciò che vi troviamo di nuono, è la spina ed i bischeri situati al di sotto del pancone; poichè il martello battendo la corda in senso opposto, la rende più salda, e la voce fassi più armoniosa e chiara." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Vol. 31-36, 1843, p. 136

NAPOLI - "Anche i fratelli de Meglio han lavorato col meccanismo inglese il loro pianoforte verticale: evvi però in esso lo smorzo costrutto in modo da potersi armare tutto a tre corde, per facilitarne lo accordo. Tre pianoforti di diverso lavorìo sono quelli del fabbricante Vincenzio Mach, ma tutti contengono il meccanismo tedesco; uno è a tavolino di bellissima forma, ed ha la tastiera di sole sei ottave, e gli altri due sono a coda di elegante aspetto, e di armonioso suono. Essi sono con tastiera di sette ottave e due tasti, come similmente l'è costrutto il pianoforte di Egidio Helzel, e l'altro di Angelo Federici." Rapporto letto al Real Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali, 1844, p. 55-56

NAPOLI - "Fabbrica di pianoforti di Pasquale Federici. Pianoforte di gran concerto alla Erard, Con varie modificazioni del costruttore." Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana maggio 1853, p. 51

NAPOLI - "Pianoforte del signor Pasquale Federici. - Non poca rinomanza han saputo presso di  noi acquistarsi i fratelli Federici coi loro lavori di solida e positiva costruzione. Era di tal genere il pianoforte per gran concerto alla Erhard [sic] messo alla gara, il quale segnalatasi specialmente per gli acuti, che a dirlo artisticamente eran veri e non finti; circostanza che ne produceva mollo armonica la voce, ne rendeva i toni di squisita bontà, e metteva gradatamente in accordo i sonori bassi con i flautati acuti. E noi perciò ci congratidianio coi fratelli Federici non solo per la maestria dimostrata nella costruzione dello strumento in esame, ma per la nota operosità ancora con cui migliorano e rendono finiti i loro lavori." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumes 50-52, Naples (Kingdom). Real Ministero dell'interno, 1855, p. 57

Medaglia d'argento Napoli, 1840 | Medaglia di argento Napoli, 1844 | Elenco d'esposizione Napoli, 1853

1907

 VAGO Antonio 1832

 

Pianoforte a tavolino ca. ?, Liceo Musicale “O. Vecchi” di Modena (4)

"766 Vago Antonio, successo a Giuseppe Cattaneo, fabbricatore e negoziante di piano-forti, insignito di sovrano privilegio e premiato dall’ I.R. Governo." Dizionario pittoresco della storia naturale e delle manifatture ad uso della ..., 1840, p. 764

"Vago Antonio, success. a Gius. Cattaneo, fabbric. e negoz. di piano-forti, contr. del Durino 425." Guida di Milano per l'anno 1842, p. 441

Milano  

425, contrada del Durino (**1842)

423, contrada del Durino (**1841)(***1845)(**1847)(**1850)(**1853)(**1854)(**1855)(**1857)(***1858)(**1859)

58, corso Venezia (**1870)(**1871)

30, via San Damiano (**1879)

4, via Conservatorio (**1881)(**1886)(**1887)

12, via Rastrelli (*1893)(*1896)(*1897)

 

 

Fortepiani

“Successore a Giuseppe CATTANEO" (°1834), questa pagina.

In 1851 fuso con ABATE Stefano dal 1853

Antonio e Domenico Vigo (Vago) 1871-85 (7) p. 184

"Al Leone di Porta Orientale si trovò pure un piano-forte a coda, di ottave sei e mezzo, dell’autore Fritz [di Vienna], che il signor Antonio Vago, fabbricatore e negoziante di piani-forti, volle somministrare al bisogno; e dopo otto giorni avendolo ritirato lo trovò intattissimo, sebbene avesse ricevuto ed acqua e sole, e fosse stato tutto coperto di terra." Cronaca della rivoluzione di Milano, 1848, p. 92

 

1851

BERZIOLI Giuseppe

(1803 - 1871)

 

 

 

 

1834

Pianoforti verticali e pianoforti a tavola

TITOLI

'Fabbricante di pianoforti al servizio della corte di Parma'(1854)

'Fornitore del Regio Teatro'(1857)

Pianoforte a coda (di Verdi ?), nel museo di Busseto
Pianoforte verticale ca. 1860, Museo Glauco Lombardi, Parma

"Si dice che Giuseppe Verdi si fosse espresso favorevolmente verso questi pianoforti."

MILANO - "Bella lode vuoisi qui riferita al sig. Giuseppe Berzioli per l'esattezza ed il buon gusto con ch'egli lavora di legname; ma molto più ancora per la sua abilità nel costruire piano-forti a varii registri, tali veramente da porre in dubbio se ci torni a preferirne di stranieri. Né ciò si estimi esagerazione, o patria parzialità. Noi, non ignari all'atto di musica, abbiamo e veduti ed ascoltati gli stromenti di quel giovine artefice, degno di protezione, ed avemmo a rimanere ammirati nel discernere l'intonazione loro, la forza, e l'uguaglianza nella graduazione delle scale, e la docilità delle tastiere" Vocabolario topografico dei Ducati di Parma, Piacenza e Guastalla, Lorenzo Molossi, 1834, p. 599

FIRENZE - "I Fratelli Berzioli di Parma, esposero un piano-forte verticale retto, del prezzo di lire 1400, ed altro a corde oblique del prezzo di lire 1300. Questi pianoforti, bellissimi come mobili, sono sembrati alla Sezione non elevarsi straordinariamente per le qualità musicali." Expo Firenze - Esposizione italiana tenuta in Firenze nel 1861, Volume 2, 1861 e Gli strumenti musicali all'esposizione italiana del 1861 descrizione ..., 1861, p. 13

FIRENZE - "2468. Berzioli fratelli. Parma. [Modena, Privilegio]. — Pianoforti." Atti officiali della Esposizione italiana agraria, industriale e artistica, 1861, p. 121-123

Parma chiesa di S. Agostino nell'Oltre torrente (1836)

71, Strada San Croce (**1875)

33, piazza Grande (**1875)

33, piazza Garibaldi (*1921)

 

Fabbricatore di pianoforti. (7), (12) p. 443

BERZIOLI e GHERARDI (pochi anni dopo?)

Nel 1836 si era unito in società con il fratello Vitale BERZIOLI, ma non dura lungo. Questi si associò a un certo GHERARDI. E qualche anno dopo, con il figli di Giuseppe, Roberto BERZIOLI (1840 - ?)

"Berzioli (Giuseppe e vitale, fratelli) nati a Zibello, il primo nel settembre 1803, il secondo nell'aprile 1820. Sino dal 1830, Giuseppe Berzioli, comunque manchevole delle necessarie cognizioni tecniche, cominciò da solo, nel suo paese natio, e piucchè altro per semplice divertimento, a fabricare pianoforti ed, a forza di buon volere e perseveranza, riuscì a produrne qualcuno che fu giudicato buono. Cresciuto in età il fratello Vitale, lo coadiuvò in simili tentativi, attalchè, incoraggiati dall' autorevole parola di valenti maestri quali il Frondoni di Piove-Ottoville e lo stesso Verdi di Busseto, si decisero, nel 1836, a trasportare la loro mndustria a Parma, dove stabilirono fabrica in Sant'Agostino. Il 25 novembre 1845, Giuseppe ottenne brevetto di privativa per tale suo genere d'industria. Il 16 settembre 1854, Vitale fu nominato fabricatore di pianoforti al servizio della corte ducale e, il 17 giugno 1857, fornitore del nostro teatro. Nella esposizione del 1863 i fratelli Berzioli conseguirono, coi loro pianoforti, la medaglia di prima classe. Giuseppe è morto il 31 luglio 1871. Il fratello Vitale continuó, da tale epoca, in unione col nipote Roberto, la fabrica de' pianoforti, alla quale, non ha guari, ha aggiunto un grande deposito di pianoforti esteri e nazionali. Il premiato stabilimento dei Fratelli Berzioli è una delle poche cose industriali, per non dire la sola, che abbia attecchito nella città nostra, il che dimostra una volta di più come Parma nostra sia uno de' centri più musicali d'Italia. Attualmente la fabbrica Berzioli trovasi in Strada Santa Croce no. 71 e lo stabilimento di deposito in Piazza Grande, no 33." I nostri fasti musicali dizionario biografico di Parmenio Bettoli, 1875, p. 25-27

"Alla morte di Giuseppe, il figlio Roberto (1840 - ? ) continuò con il Berzioli nella gestione della fabbrica e nel 1874 aprirono un negozio in piazza Grande n. 33, al primo piano dell’antico Palazzo di Giustizia, angolo strada San Michele, dove vendevano musica e strumenti di ogni marca. La sala ospitò in quegli anni anche una serie di concerti, sia per pianoforte che per strumenti vari e cantanti solisti. Benché la costruzione dei pianoforti non fosse economicamente più redditizia, il Berzioli non volle chiudere la fabbrica per non dover licenziare quegli operai che lavoravano con lui da tanti anni. Un giudizio assai lusinghiero su questi pianoforti è riportato dalla Gazzetta di Parma del 18 gennaio 1876." Dizionario della Musica del Ducato di Parma e Piacenza

BERZIOLI Fratelli (*1861)(*1921), Roberto e Paride BERZIOLI

BERZIOLI Paride (1846 - 1891), comincia dal 1879.

NECROLOGIA

1891 - "De Parme on annonce la mort de Paride Berzioli, chef d'une importante fabrique de pianos, qui a laissé une grande partie de sa très grande fortune à l'hôpital civil de cette ville, afin qu'on y fonde une salle qui portera son nom. " Le Ménestrel, 05/07/1891, p. 216 (Gallica)

INFO EXTRA

BERZIOLI Fratelli

VEDETE ANCHE ...

  BERZIOLI F.

 

Elenco d'esposizione Firenze, 1861 | medaglia d'argento alle esposizioni del 1883 e 1887

1926

CATTANEO Giuseppe 1834  

MILANO - "Cembali migliorati. -I cembali che erano tra noi in migliore riputazione ne giunevano ordinariamente dalle Fabbriche di Vienna, e dall’ Inghilterra. Parecchi de’ nostri fabbricatori avevano tentato di sottrarsi dal pagare agli stranieri questo tributo; ma sempre inutilmente, chè quelli fra noi fabbricati o erano mediocri o appena lodevoli. Ora però il signor Cattaneo fabbricatore di pianoforti in Milano venne a toglierci da tale dipendenza, e non già solo uguagliò ma, diremmo, vinse i cembali inglesi e viennesi. Ei presentò al concorso de’premii Industria due cembali, la cui voce ampia, limpidissima, sonora edolcissima rende a prima iunta la miglior testimonianza della perizia di quel artefice. Il quale per ottenere un tale effetto esegui notabili variazioni,e introdusse meccanici congegni concementi in ispecial modo la tavola armonica, la tastatura, i martelletti e lo stesso telaio. Questi noi esprimeremo quasi colle stesse parole usate nell’indicarli da un nostro amico, intelligente quant’ altri mai in silfatte cose, il ch. signor D. Sacchi. Invece di fare l’ ossatura interna del cembalo d’ un’ asse sola nello spessore, e d’ un sol legno ed a grossi pezzi, divise il rimo a quattro piani alternando il faggio e l’ abete; tagliò a piccoli regoli il legno, e ne fece un telaio trecciato a quadretti: quindi l’ossatura non si torce ed è forte quanto l’ antica perchè il tutto è ben commesso con colla. - La tavola armonica èdi consueto rafferma alla cassa del cembalo: ei pensò di isolarla e tenerla sospesa col solo contrasto delle corde che fermano sull’arco armonico: quindi l’ oscillazione è maggiore, il suono non risente del legno, ed acquista di armonia, e tiene di più la voce. Per l'isolamento della tavola armonica poi, avendo diminuita l'ossatura, la rinforzo con un gran lastroiie di metallo con fori che è unito al sominiere con quattro braccia di ferro: perciò le corde attaccate al margine del metallo sono scorciate per tutte la tratta dell’ arco armonico, e ne succede più facile l’ accordatura non solo, ma il ceinbalo la tiene più lungo tempo. Introdiisse pure un miglioramento rilevante nella tastiera. Ne’ piano-forti comuni il martello è piantato sull’ estremità interna del tasto, e sovente essendo uesto oscillante, comunica al martello un movimento infermo, sicché non batte precisamente le tre corde che danno la voce. Il Cattaneo rovesciò, per così dire, il meccanismo, e piantò il martello nel telaio della tastiera,e il meccanismo che lo fa muovere sul tasto, per cui, qualunque scossa faccia il tasto, il martello non ne risente e batte all'unissono le tre corde. Finalmente, siccome nei martelli soliti, attaccati sur un cavalletto d’ ottone con spina d’ acciajo, incontra che questa ossidandosi o rendendo polvere,viene im edita articolazione del martello stesso, il Cattaneo lo rese sempre ugualmente mobile raffermandolo con una cerniera di ottone e di pelle.
L' I. R. Istituto premiò questo benemerito fabbricatore colla medaglia d’oro; e meritamente, chè estendendosi questa sua fabbrica ne riceverà non poco utile il nostro paese." Indicatore Lombardo, ossia raccolta periodica di Scelti articoli tolti dai ..., 1834, p. 280-281

 

Milano 522, contrada di San Vito al Pasquirolo (**1835)(**1837)(x1838) 1 pianoforte per settimana (1845-47)

'Fabbricante di fortepiani'

Allievi Ambrogio RIVA, Angelo COLOMBO e Luigi STUCCHI. (5) p. 160

Successori : Ambrogio RIVA e VOETTER (1841-51)

Antonio VAGO, “successore a G. CATTANEO." (4) p. 10


(il seguito)

MILANO - "Giuseppe Cattaneo, pur di Milano, fabbricatore di piano-forti, riuscì finalmente a costruirne di quelli che alla eleganza ed alla solidità riuniscono le qualità, e i pregi degl' inglesi e dei viennesi, ne presentò due all'I. R. Istituto, che fan chiara prova poter noi anche in questo ramo di manifattura non rimaner addietro a nissuno."Biblioteca italiana, o sia Giornale di letteratura, scienze ed arti, Volume 75, 1834, p. 340

MILANO - "ln Milano abbiamo varii fabbricatori di Cembali, ed il sig. Cattaneo in Contrada di S. Vito al Pasquirolo ne fabbrica che hanno il meccanismo inglese, la tavola e le spranghe di metallo, quindi sono tali da poter gareggiare con quelli di qualunque fabbrica." L'Eco, giornale di scienze, lettere, arti, mode e teatri, Volume 8, 1835, p. 447

Brevetto dell' 1834 : "CATTANEO GIUSEPPE, fabbricatore di pianoforti di Milano — Per pianoforti emulanti quelli delle migliori fabbriche straniere — Medaglia d'oro — Anno 1834 in Milano." Collezione degli atti delle solenni distribuzioni de' premj d'industria ..., 1834, p. 53/519

"N.° 26 - N.° 4173-428. A Cattaneo Giuseppe fabbricatore di cembali in Milano, contrada di S. Vito al Pasquirolo, n.° 522, per anni cinque, come da determinazione dell’ imperiale regia camera aulica generale 26 novembre 1834 e da aulico dispaccio 8 dicembre detto n.° 31086-2481, per l’ invenzione di fabbricare i fortepiani in modo diverso da quelli delle migliori fabbriche all’ estero, i quali n si distinguono particolarmente per l’ isolamento della tavola armonica." Raccolta degli atti del governo e delle disposizioni generali ..., Volume 1, 1835, p. 84

"Fabbrica di Pian-forti a Firenze, ed a Milano. [...] ln Milano abbiamo varii fabbricatori di Cembali, ed il sig. Cattaneo in Contrada di S. Vito al Pasquirolo ne fabbrica che hanno il meccanismo inglese, la tavola e le spranghe di metallo, quindi sono tali da poter gareggiare con quelli di qualunque fabbrica." L'Eco, giornale di scienze, lettere, arti, mode e teatri, Volume 8, 1835, p. 447

Medaglia d'oro Milano, 1834

1844

KOVATS Michele
| KAVATS | HOVATS
1835

NAPOLI - "Sette ne conteneva la gran sala, più o meno ricchi di esterni ornamenti, ma che rassomigliavarsi nella forma non meno che nell'interno costruizione; se non vuol esser eccettuato quello Michele Kovats ov' era un ingegno di nuova invenzione, mercé del quale l'accordo può ad un tratto trasportarsi di mezzo tuono al di sopra o al di sotto del corista; ed ognun vede quanto risparmio di tempo e d'impaccio per tal mezzo si ottenga." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumi 10-12, 1836, p. 81

Napoli 21, alla spalita della Trinita degli Spagnoli (*1836)

190, strada di Chiaia (*1845)

35, Santa Maria Egiziaca a Pizzofalcone (x1860)

 

Pianoforti, 1834-41 circa (4)

Era nato in Ungheria

Ferdinand SIEVERS è cominciato da KOVATS dall'1835.

Brevetto del 1836 : " A Michele Kovats per un pianoforte con tastiera di madreperla elegantemente lavorato." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumi 10-12, 1836, p. 93

Brevetto a Napoli, 1841 : "Kovatz [sic] Michele. Per i perfezionamenti a' pianoforti orizzontali e verticali. S. A. 25 febbraio 1841." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di Napoli - P. 200R. Istituto d'incoraggiamento di Napoli, 1863

 

   
SIEVERS Giacomo Ferdinando

(1809 - 1878)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pianoforti, Il Pianoforte, Guida pratica per costruttori, accordatori, dilettanti e possessori di pianoforti, 1868

1835 - 1862  

TITOLO

"Breveté du Roi"

Pianoforte a coda ca. ?, modello n° 6 del catalogo, Collezione Priv., Milano, Italia
Pianoforte a coda ca. ?, collezione Scala, Imola, Italia
Pianoforte verticale inclinato ca. ?, Museo Nazionale degli strumenti Musicali, Roma, Italia
Pianoforte a coda ca. 1850, CulturaItalia.it
Piano verticale ca. 1860-70, Museo San Pietro, Majella, Italia

SIEVERS
su questo sito

ARTICOLI

ESPOSIZIONI

Cliccate sui link qui sopra.

LIBRO
di SIEVERS

Il russo italianizzato Giacomo Ferdinando SIEVERS (1810/78) di Pietroburgo, che pubblicò anche un trattato :

Il Pianoforte, Guida pratica per costruttori, accordatori, dilettanti e possessori di pianoforti, 1868. (da leggere on-line!) e le immagini (on-line).

LIBRO
su SIEVERS

"G. F. Sievers and mid 19th-century pianoforte technology." per Marco Tiella, 1997

NECROLOGIA

 "J.-F. Sievers, facteur de pianos, établi à Naples depuis près de cinquante ans, vient de mourir dans cette ville. Sievers était né à Pétersbourg en 1809." Le Monde artiste, 29/06/1878, p. 7 (Gallica)

INFO EXTRA

L'influenza delle pelle nell'evoluzzione del fortepiano nel XVII en XIX secolo.

SIEVERS Giacomo Ferdinando da Archivi Teatro Napoli Beni Culturali

 

Napoli 14, via Nardones (*1842)

3, (accanto) la Chiesa di San Teresa a Chiaia (**1844)(*1845)

Strada di Chiaja, Palazzo Francavilla di Cellamare (***1853)(*1854)(xxx1855)(**1856)(**1862)(**1865)(***1865)(***1867)(**1868)(**1869)(*1872)(*1873)

149, Strada di Chiaja, Palazzo Francavilla di Cellamare (**1880)

 

'Fabbricante di pianoforti'

"Sievers Giacomo Ferdinando, fabbricante di Pianoforti, è nato a Pietroburgo in Wassili-Ostrov (Isola di Basile) il 10/23 giugno 1809, da Carlo. Fece i suoi studi letterari in due collegi dagli 8 a'12 anni, quindi in un Ginnasio che frequentò sino a'17. Contemporaneamente studiò dapprima il flauto con un organista, quindi il violino ed infine il Pianoforte, nel mentre che lavorava nella fabbrica di pianoforti di suo padre Carlo. Fu inviato per 5 anni a Riga presso il fabbricante Kelberer, quindi, tornato a Pietroburgo, lavorò per 2 anni presso il fabbricante Junhert. Passò poscia in Germania, si trattenne per 2 anni a Roma donde, fornitosi di tutti gli utensili necessari, venne in Napoli nel 1834. Dopo aver lavorato per 12 mesi presso Kovatz, fondò (1835) con modesti principii la fabbrica che portò il suo nome sino al 1867 e che in breve divenne una delle prime. Oggi essa è diretta da' sig. Hussung ed Eckert, che s'intitolano Successori di G, F. Sievers." Annuario generale della musica, 1874, p. 185 - Vedere KOVATZ (°1835) su questa pagina.

Brevetto del 1838 : "per la costruzione e smaltimento de'piano-forti con pancone e cassa di ferro fuso ; rimanendo libero a tutti di fabbricar piano-forti nel modo usalo finora, o in altro modo qualunque, purché sieno differenti da quelli che s'introducono dal Sievers con pancone e cassa di ferro fuso." (**1838)- "Sievers Ferdinando. Per la fabbricazione dei pianoforti con cassa di ferro. S. A. 5 aprile 1838." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ..., Volume 10, Napoli, 1863, p. 200-201

"( N.° 4755. ) Decreto col.quale accordasi a Ferdinando Sievers la privativa per la costruzione de'piano-forti con pancone e cassa di ferro fuso.
Napoli, 5 Agosto 1838. FERDINANDO II. Per La Grazia Di Dio Re DEL REGNO DELLE DUE SICILIE, DI GERUSALEMME ec. DUCA DI PARMA, PIACENZA, CASTRO ec. ec GRAN PRINCIPE EREDITARIO DI TOSCANA ec. ec. ec.
Veduto il parere della Consulta de' nostri reali dominii al di qua del Faro; Sulla proposizione del nostro Ministro Segretario di Stato degli affari interni; Udito il nostro Consiglio ordinario di Stato; Abbiamo risoluto di decretare, e decretiamo quanto segue.
Art. 1. Concediamo a Ferdinando Sievers la Srivativa di anni cinque ne'nostri reali dominii al i qua del Faro, a' termini del decreto de' 2 di marzo 1810 provvisoriamente in vigore, per la costruzione e smaltimento de' piano-forti con pancone e cassa di ferro fuso; rimanendo libero a tutti di fabbricar piano-forti nel modo usato finora, o in altro modo qualunque, purché sieno differenti da quelli che s'introducono dal Sievers con pancone e cassa di ferro fuso.
2. Il nostro Ministro Segretario di Stato degli affari interni è incaricato della esecuzione del presente decreto. Firmato, FERDINANDO. Ministro Segretario di Stato degli affari interni. Firmato, Niccola Santangelo. - II Consigliere Ministro di Stato Pres. interino del Cons. de' Ministri. Firmato, Marchese Ruffo." Collezione delle leggi e de' decreti reali del regno delle Due Sicilie, 1838, p. 51

Brevetto del 1849 : "Sievers Giacomo Ferdinando. Nuova maniera di pianoforti. S. A. 13 settembre 1849." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ..., Volume 10, 1863, p. 200

Brevetto del 1850 : "(N.° 1590) Decreto che accorda privativa al Signor Giacomo Ferdinando Sievers di Pietroburgo per,un meccanismo da lui inventato pe piano-forti detti a consola. Caserta, 18 Marzo 1850. FERDINANDO II. Per La Grazia Di Dio Re Del Regno DelLe DUE SICILIE, DI GERUSALEMME ec. DUCA DI PARMA, PIACENZA,
Castro ec. ec. Gran Principe Ereditario Di Toscana ec. ec. ec.
Veduto 1' avviso del Consiglio di Stato;
Sulla proposizione del Direttore del Ministero Q real Segreteria di Stato dell' interno, ramo interno;
Udito il nostro Consiglio ordinario;
Abbiamo risoluto di decretare, e decretiamo quanto segue.
Art. 1. Concediamo al Signor Giacomo Ferdinando Sievers di Pietroburgo privativa di anni dieci ne' nostri reali dominii di qua del Faro, a termini del decreto de' 2 di
marzo 1810 provvisoriamente in vigore, pel meccanismo di sua invenzione applicabile a'piano-forti detti a consola, senza che un tal privilegio possa impedire la immessione dall'estero di piano-forti della medesima costruzione, nel caso che fossero di già conosciuti altrove. Firmato, FERDINANDO. Il Direttore del Ministero e real Segreteria di Stato dell'interno pel ramo interno è incaricato della esecuzione del presente decreto.
Il Ministro Segretario di Stato pel ramo interno Presidente del Consiglio de' Ministri
Firmato, S. Murena. Firmato, Fortunato." Collezione delle leggi e decreti emanati nelle provincie continentali dell ..., 1850, p. 133-134

Brevetto del 1851 : "Sievers Giacomo Ferdinando. Miglioramenti a'pianoforti con meccanismi tedeschi. S. A. 21 agosto 1851." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ..., Volume 10, Napoli, 1863, p. 200-201

Brevetto del 1860 : "Sievers Ferdinando. Nuovo modo di comporre le tastiere dei pianoforti. S. A. 20 dicembre 1860." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ..., Volume 10, Napoli, 1863, p. 200-201

 

Medaglia d'oro Napoli, 1838 | Medaglia d'argento Napoli, 1840 | "Sievers Brevetè du Roi Naples Medailles d'or et d'argent"| Medaglia di argento Napoli, 1844 | Elenco d'esposizione Napoli, 1853 | Brevetto di privativa 1838 (17), 1840, 1849(17), 1850, 1851 (17)1859, 1860(17), 1861, 1862 | Medaglia de merita Vienna, 1873

 

ANELLI

(1795 - 1883)

 

 

Modello 'Verticoda' - Brevetto del 1940

 

 

 

 

 

 

Fiera Campionaria, Milano 1923

 

1836

 

Pianoforti, pianoforti a tavola, organi e autopiani

Pianoforte a tavola ca. 1820-30, Museo teatrale alla Scala, Milano

Brevetto del 1901 : Pianoforte a corista registrabile
Brevetto del 1908 : Tavola Armonica per Pianoforti Apollo
Brevetto del 1912 : Tastiera a leva registtabile (in tutti gli stati)
Brevetto del 1918 : Pianoforte a doppia tavola harmonica
Brevetto del 1940 :
Il 'verticoda', circa 1940

   

Codogno (1836)

Cremona (1909)(*1922)

Lodi (1862)

?

10, Corso Garibaldi (Cremona) (1921)(*1822)

3-4-6, Piazza Castello (*1922)(1928)

1a, via Montello (1938)(1956)

?

900 pianoforti nel 1900 (1)

4 piani al giorno, 1924

21.000 pianoforti nel 1961 (1)

 

'Fabbricante di pianoforti'

ANELLI. - Famiglia d'organari e fabbricatori di pianoforti. Il fondatore era Antonio A. ANELLI, nato nel 1795 a Santo Stefano al Corno (Piacenza), che fondò a Codogno una fabbrica di organi. La sua grande passione e studio lo portano a diventare prima un restauratore e poi un costruttore di organi da chiesa sempre più richesto e stimato. Antonio Anelli, chiamato "el pitturin", in virtù della sua grande abilità come pittore, si introduce negli ambienti ecclesiastici dove osserva da vicino gli organi a canne.

ANELLI Gualtiero (1820) figlio del precedente, (5) p. 160.

Nel 1862 la ditta si trasferisce a Lodi, dove realizza e restaura gli organi di varie chiese locali. Antonio, oltre a rstaurare organi, costruisce anche pianoforti.

L'azienda, rilevata dal figlio Gualtiero (1841 - 1880), cui successe il figlio Pietro (1863 - 1939), ebbe per alcuni anni un centro, in unione col fabbricante inglese G. Trice, anche a Genova.

TRICE, ANELLI & Cia (1880)(George TRICE)

Nel 1896 trasferirono la fabbrica a Cremona. Nel 1910 l'impresa fu trasformata in società anonima e raggiunse in breve una grande prosperità dedicandosi soprattutto alla produzione di uno speciale tipo di pianoforte, il verticoda, che alle possibilità del pianoforte a coda unisce la comodità di quello verticale.

A capo della ditta sono stati in seguito i figli di Pietro, Gualtiero (1896-1970), Guido (1899-1976), Giacomo (n. 1901), Pier Luigi (n. 1910).

ANELLI & Figli Pietro (1921), P. ANELLI con il 'Metalpiano'come su-marca. Pietro ANELLI (1863-1939) era il figlio di Gualtiero ANELLI.

ANELLI Pietro (? - 1939), titolare della ominima casa da 1936.

PUB

INFO EXTRA

 Su doojoo.it, Treccani.it e CollezioneMaggi.altervista.org/anelli

Museo Anell i: dal saper fare al far sapere, Fabio Perrone, 2015, p. 27

 

Brevetto la tastiera a leva registrabile, 1922 | Brevettò la meccanica a ripetizione, 1935

1968

ALOVISIO Luigi

 

 

1838  

Pianoforte a tavola del 1824, collezione Andrea Cavigliotti, Italia

 

Torino 4, via Provvidenza (*1871-72)

'Fabbricante di pianoforti' ed organi (*1871-72)(7)

Pianoforti a tavolo, cembali, primi 1800 circa (5) p. 160.

 

1844

BRETSCHNEIDER Paolo 1838

 

NAPOLI - "Fabrica di pianoforti di Vincenzo Mach e Paolo Bretschneider sita nel vicolo Sergente Maggiore N.° 51 primo piano.
Pianoforte di maogano a sette ottave, con trasporto della tastiera e del forte, nuovo meccanismo inglese, e colla lastra di metallo fuso per duc. 400.
Pianoforte a mezza coda di legno palissandro a sette ottave all'uso Tedesco e colla lastra di metallo fuso per duc. 300." Elenco di saggi de prodotti della industria napolitana presentati nella ..., 1842, p. 37

NAPOLI - "Fabbrica di pianoforti di Paolo Bretschneider nella strada di Chiaja N.° 190 primo piano. Pianoforte a foggia inglese di sette ottave a due pedaliere, per duc. 400." Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana presentati nella ..., 1844, p. 28

NAPOLI - "Anche i fratelli de Meglio han lavorato col meccanismo inglese il loro pianoforte verticale: evvi però in esso lo smorzo costrutto in modo da potersi armare tutto a tre corde, per facilitarne lo accordo. Tre pianoforti di diverso lavorìo sono quelli del fabbricante Vincenzio Mach, ma tutti contengono il meccanismo tedesco; uno è a tavolino di bellissima forma, ed ha la tastiera di sole sei ottave, e gli altri due sono a coda di elegante aspetto, e di armonioso suono. Essi sono con tastiera di sette ottave e due tasti, come similmente l'è costrutto il pianoforte di Egidio Helzel, e l'altro di Angelo Federici." Rapporto letto al Real Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali, 1844, p. 55-56

Napoli 51, vicolo Sergente Maggiore (*1842)

190, Strada di Chiaia (**1844)(*1845)

Chiaia (**1869)(*1873)

'Fabbricante di pianoforti'

BRETSCHNEIDER, di origine russa.

Vincenzo MACH e Paolo BRETSCHNEIDER (*1842). Vedete anche Vincenzo MACH (°1842) su questa pagina.


(il seguito)

NAPOLI - "[...] più due tasti; quello di Paolo Bretschneider è col congegnamelo all'inglese, ha due pedaliere, ed è di otto ottave." Rapporto letto al Real Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali, 1844, p. 55-56

NAPOLI - Pianoforti "col congegnamento all'inglese." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumes 34-36Naples (Kingdom), Real Ministero dell'interno, 1844 e (**1844)(**1867)

NAPOLI - "Fabbrica di pianoforti del Signor Paolo Bretschneider. Un pianoforte verticale. Due pianoforti a coda." Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana maggio 1853, p. 51

NAPOLI - "Pianoforte del signor Paolo Bretschneider - Il nome che gode il sig. Bretschnaider era di ben valida garentia alla precisa costruzione del pianoforte orizzontale da lui messo in mostra. La estensione della tastiera era di sette ottave, costrutta come dicesi a semplice meccanica, e la cassa di legno palessandro con semplici ma eleganti ornati." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumes 50-52, Naples (Kingdom). Real Ministero dell'interno, 1855, p. 57

Medaglia di argento Napoli, 1844 | Medaglia d'argento Napoli, 1853

1880

GREGORI Domenico 1838 Torino ?

 

'Fabbricante di pianoforti' (7)

Nato a Nizza (adesso Francia).

 

1844

PANIZZA Carlo 1838 Torino ?

 

'Fabbricante di pianoforti' (7)

Nato a Alessandria.

 

   
GRIFFA & Figli 1840

INFO EXTRA

GRIFFA & Figli

Torino

Milano

?

a Torino

35, via Corridoni

a Milano

 

'Fabbricante di pianoforti'

Francisco GRIFFA, Milano (1950)

Dal 1840 i componenti della famiglia Griffa si tramandano competenze ed esperienze acquisite e rielaborate nella costruzione e riparazione del pianoforte. L'attività iniziata a Torino si trasferisce a Milano agli inizi del '900.

 

   
MONTÙ Ludovico
| MONTI Lodovico | MONTU
1840  

 

CALDERA & MONTÙ
su questo sito

ESPOSIZIONI

 

 

"Pianoforte, 10 marzo 1868 - Luigi Caldera – Ludovico Montù : Il melopiano è un pianoforte dotato di un motore con carica a manovella, che messo in azione per mezzo di un pedale consente di «continuare alla corda il suono ripercotendola velocemente con un secondo martelletto, il quale, obbediente alla variata pressione del dito che [agisce] sul tasto, oltreché prolungare, [modifica] anche l’intensità del suono, superando in ciò la potenza dell’organo, e dando al pianoforte una fluidità, una dolcezza una varietà di suono inaccostumata e veramente nuova, sorprendente, aggradevolissima». Questo strumento, ideato nel 1862 dall’ingegner Luigi Caldera di Cuneo e prodotto in collaborazione con Ludovico Montù e Stefano Brossa, costruttore torinese di pianoforti, fu presentato nel 1867 all’Esposizione Universale di Parigi, dove suscitò l’interesse perfino dell’«imperturbabile Rossini». Il melopiano fu apprezzato da musicisti come Berlioz, Hans von Bülow, Meyerbeer e Thalberg, e fu guardato con interesse da importanti costruttori (Herz, Érard, Pleyel, Bösendorfer). Stefano Brossa, il primo costruttore, ottenne all’esposizione di Torino del 1868 una medaglia di prima classe per «pianoforti verticali nei quali si scorge limpidezza e sonorità di voce, sveltezza di forme e tastiera obbedientissima». La produzione continuò ad essere premiata sino all’esposizione del 1898." www.ilpost.it di 27 ott 2011(immagine) Vedete CALDERA

 

Torino 9, contrada Ripari (1853-56)(10)

28, piazza Maria Teresa (1856-57)(10)

22, contrada della Provvidenza (1858 -61)(10)

13, contrada della Provvidenza (1861-67)(10)

10, via Arsenale [piano nobile] (1868-72)(10)(xx1871)(*1871-72)

 13, via Alfieri (1869-72)(10)(*1871-72)

 2, via Cernaia (1871-77)(10)

 

'Fabbricante di pianoforti'

INFO EXTRA

Pdf su Luigi CALDERA e Ludovico MONTÙ, il melopiano, 1868

VEDETE ANCHE ...

Attilio GRIGGI- MONTÙ, suo nipote e successore

 

Elenco d'esposizione Parigi, 1867 | Elenco d'esposizione Torino, 1871 | Elenco d'esposizione Vienna, 1873

 
NAPOLITANO Antonio 1840  

INFO EXTRA

NAPOLITANO Antonio

 

Napoli

Salerno

 

6, Piazza Carità (*1929)

Succursale a Salerno : 20, via A. Diaz (*1929)

 

'Fabbricante di pianoforti'

   
LUCHERINI Angiolo 1841  

"Dal Negozio di Musica, e Piano -forti di Angiolo Lucherini in piazza del Granduca sarà pubblicata per associazione nna collezione contenente i pezzi più applauditi degli Oratori, e Opere serie di Rossini, Mayerbeer [sic], Mercadante, Vacca i, ed altri celebri compositori ridotti a guisa di sonate servibili per Organo, e per il Piano forte anche di cinque ottave. Detti pezzi verranno ridotti dai più abili Maestri in un modo facile, saranno divisi in sei fascicoli di n. pagine al prezzo di L. 1. 6. 8 l' uno. Il primo sortirà il 15 del prossimo Ottobre l'ultimo nel mese li Gennaio 1827. le associazinni si ricevono in detto negozio fino alla metá di Ottobre." Gazzetta di Firenze, 26/09/1826, p. 112

"Nel Negozio di Musica, e Pianoforti di Angiolo Lucherini in Piazza del Granduca sono sortiti i seguenti pezzi nuovi.
Herz Gran Varias per P. f. op. 51. sopra l'ultimo Valzer di Weber L.
Baruzzi varias: sopra un tema della Zelmira L. 1.
Corticelli. pollonese brilliante L. 1
Casamprata. tre Romanze per P. f. L. 1
Rossini, Sin. nella Semiramide, a 4 mani L. 13.4
Picchianti le prime 12 lezioni per chitarra quarta edizione L. 6. 8.
Arie, Duetti, ed un Tersetto per canto nell'Opera l'Esule di Roma di Donizzetti. (il seguito )


Firenze Piazza del Granduca (*1826)(**1830)(x1834)

 

'Fabbricante di pianoforti'

Diretto per un tecnico tedesco, usando le etichette del tedesco. (7)


(il seguito)

Quei Sigg. che volessero onorare di commissioni il suddetto Negozio ad ogetto che non le siano ritardate, favoriranno scrivere direttamente nel Angiolo Lucherini essendo egli il solo, ed unico propretario del Piano forti, musica, ed ogni altro ogetto esistente nel Negozio, e Magazzini separati." Gazzetta di Firenze, 06/05/1830, p. 14

"Presso gli Editori del Giornale di Commercio Piazza S. Trinita è Angiolo Lucherini Fabbricante di Piano-forti in Piazza del Gran-Duca, trova in vendita Contradanza francese rdotta per Piano-forte dal Barone di Kaulmans e dedicata a S. A. la Principessa Matilde di Montfolt al prezzo di paoli 2." Gazzetta di Firenze, 28/01/1834, p. 22

   
SALTINI Leopoldo 1841

Pianoforte verticale giraffa, ca. 1843, collezione privata, Italia

Firenze ?

 

'Fabbricante di pianoforti '

"La Medaglia D'argento è stata in simil modo conferita al Sig. Leopoldo Saltini di Firenze per avere esposto un pian-forte verticale con flauto e fisarmonica, tutto riunito, e tutto assai bene eseguito. In questo pian-forte i diversi strumenti riuniti possono essere sonati colla medesima tastiera ed a piacere o tutti insieme o uno indipendentemente dall'altro." Rapporto della pubblica esposizione dei prodotti di arti e manifatture, 1841, p. 53

 

Medaglia d'argento Firenze, 1841

 

STANZIERI Giovanni 1841

 

PARIGI - "Stanzieri (Jean), à Naples. — Piano de construction nouvelle, à squelette en fer." Catalogue général: Exposition Universelle de 1867 à Paris, Volume 1, 1867, p. 126

 

Napoli 3, vico Fico a San Brigida (*1845)

 

'Fabbricante ed accordatore di pianoforti.' (*1845)

Brevetto del 1867 : "Stanzieri Giovanni a Napoli. Pianoforte di nuova costruzione e di nuovo meccanismo. Anni 5." Annuario scientifico ed industriale: rivista annuale delle scienze d ..., 1867, p. 627

 

Elenco d'exposizione Parigi, 1867

1867

BRIZZI & NICCOLAI

 

 

1842

Pianoforte a tavola ca. 1840, distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale, Universität Lipsia, Germania

FOTO

Firenze

via dei Cerretani (***1856)(**1860)

4, piazza Santa Maria Maggiore (***1863)

12, via Cerretani (*1878)(1886)(*1893)(*1895)(*1896)(*1903)(*1905)(*1906)(*1907)(*1909)(*1910)

13, via di Soffiano (1895)

Valetta, Malta (1909)

2, via Cerretani (*1929)

 

'Fabbricante di pianoforti', pianoforti a tavola ed armoni e 'melopiani'.

Brizzi e Niccolai è stata fondata nel 1844 a Firenze, trasferitasi poi nel 1909 a Valetta, Malta.

BRIZZI & NICCOLAI : Commercianti per Samuel MEISNER a Firenze." (5) p. 56, 160 (7)

"I. Gli strumenti a tastiera Brizzi e Nicolai di Firenze : pianoforte con tastiera cromatica." (19)

PARIGI - "Mélopiano ; pianos d'une sonorité agréable, mais claviers résistants.", Esposizione a Parigi, Rapport sur les instruments de musiques à l'exposition universelle de 1878, Chouquet

PARIGI - "BRIZZI ET NICOLAÏ. - Italie. - Pianos et harmoniums ; mélopiano ; pianos d’une sonorité agréable, mais claviers résistants." Chouquet, Rapport sur les instruments de musiques à l'exposition universelle de 1878

MELBOURNE - "Brizzi ans Niccolai, who show a fair sample of their make, have adopted the overstrung system, but, in other respects, they have retained the principles of the european makers. The piano is well constructed, the action is good, and the tone and touch of the kind that has hitherto characterised this firm. First award." Official Record, 1882

TORINO - "1494. Brizzi e Niccolai, Firenze. Per la sempre più emergente bontà, leggiadria e piacevolezza di suono dei pianoforti di sua fabbricazione; per lo impulso efficacissimo che in pochi anni seppe imprimere allo sviluppo di una industria che ormai in Italia segna un reale e proficuo progresso artistico e commerciale." Esposiziona generale italiana, Torino, 1884, p. 25 (MuseoTorino.it)

Medaglia di bronzo, Parigi 1878 | First award Melbourne, 1882 | Diploma d'onore Torino, 1884

1918

MACH Vincenzo

 

 

 

 

1842  

MANIFATTURA DI PIANOFORTI V. MACH & C. NAPOLI - FABBRICA PALAZZO CARIATI

Pianoforte verticale ca. 1850, CulturaItalia.it

NAPOLI - "Fabrica di pianoforti di Vincenzo Mach e Paolo Bretschneider sita nel vicolo Sergente Maggiore N.° 51 primo piano.
Pianoforte di maogano a sette ottave, con trasporto della tastiera e del forte, nuovo meccanismo inglese, e colla lastra di metallo fuso per duc. 400.
Pianoforte a mezza coda di legno palissandro a sette ottave all'uso Tedesco e colla lastra di metallo fuso per duc. 300." Elenco di saggi de prodotti della industria napolitana presentati nella ..., 1842, p. 37

NAPOLI - "Contengono il meccanismo tedesco." Expo Napoli Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumes 34-36Naples (Kingdom), Real Ministero dell'interno, 1844

NAPOLI - "Fabbrica di pianoforti di Vincenzo Mach, in via Monteoliveto palazzo Gravina, 2° piano. Due pianoforti, ogni uno di diversa costruzione, i cui prezzi si troveranno seguati su di essi." Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana presentati nella ..., 1844, p. 52

NAPOLI - "Tre pianoforti di diverso lavorìo sono quelli del fabbricante Vincenzio Mach, ma tutti contengono il meccanismo tedesco; uno è a tavolino di bellissima forma, ed ha la tastiera di solo sei ottave, e gli altri due sono a coda di elegante aspetto, e di armonioso suono." Expo Napoli - Rapporto letto al Real Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali, Francesco Cantarelli, 1844

NAPOLI - "Manifattura premiata di pianoforti di V. Mach, e C., Palazzo Cariati.
Grande pianoforte a coda di concerto a 3 corde 7 ottave, nuovo sistema di scappamento alla Pleyel, con barre armoniche per la nettezza del suono, sistema nuovo di Agnoff per la perfezione dell’ accordo, con 5 barre di ferro; in legno palessandro profilato, abbellito di legno rosa. ‘
Altre di grande modello verticale, a 3 corde, di 6 3/4 ottave con nuovo meccanismo, di legno mogano ed in palessandro.
Altro verticale con corde obblique a 3 corde, 6 3/4 ottave, con nuovo meccanismo, in legno mogano moschettato, con bassirilievi di ebano massiccio.
Altro a mezza coda della più bella forma, con meccanismo di ultima invenzione alla Pleyel, con barra di ferro, sistema (1’ Agnoll', con”bassi rilievi di legno rosa massiccio.
Altro a mezza coda, con meccanismo di Vienna, con nuovi perfezionamenti di 6 3/4 ottave, con barre di ferro, barre metalliche ed in mogano. _
(N. B. ) Questa fabbrica garantisce per due anni i suoi istrumenti."
Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana maggio 1853, p. 52

NAPOLI - "Pianoforti del signor Vincenzo Mach e Compagni. - La fabbrica del signor Mach già godea presso di noi una lusinghiera riputazione; ed egli sapea confirmarsela con gli applauditi pianoforti che al pubblico esame esponeva. Il primo gran pianoforte orizzontale di concerto, se pel suo esterno richiamava l'attenzione di quanti visitavano quelle sale, essendo di palessandro elegantemente ornato di lagno rosa, lo era molto più per la interna sua costruzione. Il meccanismo infatti della tastièra, della estensione di sette ottave, era sul sistema di scappamento alla Pleyel ;  (il seguito )

 

Napoli 51, vicolo Sergente Maggiore (*1842)

4, strada Monteoliveto Palazzo Gravina, 2° piano (**1844)(*1845)

Fabbrica : Palazzo Cariati alla Concordia (***1853)(**1856)

34, Largo a Capella (***1865)

Strada di Chiaia (***1867), Pal. Francavilla

33, Piazza dei Martiri Palazzo Calabritto (*1872)(*1873)

 

'Fabbricante di pianoforti'

'Fabbricante di pianoforti' verticali, pianoforti a tavolo e a coda

Vincenzo MACH e Paolo BRETSCHNEIDER (*1842). Vedete BRETSCHNEIDER (°1838)

Strumenti Italiani, realizzato a Napoli dal costruttore Mach. Evidentemente ispirato alla produzione francese : PLEYEL (°1807)

Ha ricevuto in 1853 un premio per un piano con le fibbie. (7)


(il seguito)

aveva tre registri di corde, e le così dette barre armoniche, nuovo sistema inglese di Tacche ed Agraff, riconosciuto utilissimo per la nettezza della voce, e pel giusto accordo. Ad assicurarne poi la stabilità egli ne foderava il pancone con cinque sbarre e cordiera di ferro prolungata. Il secondo pianoforte anche a coda, ma di piccola dimensione, era di palessandro con ornati alla rococò, e piedi di ebano e legno rosa. L'interno meccanismo era sullo stesso sistema del precedente; egli però vi avea applicata una nuova modifica inventata a Parigi, vi avea fatto cioè le forche di metallo con le viti a pressione. Un'altro verticale, obliquo, di legno di mogano moschettato, e bassorilievi di ebano massiccio, avea la tastiera di sei ottave e tre quarti, con meccanismo secondo le ultime modifiche francesi, e tre registri di corde. Abbenchè questo strumento nulla avesse offerto di nuovo, pel tuono di voce però, e per la perfetta esecuzione degnamente figurava fra gli emuli suoi. Anche un altro, dello per studio, dello stesso legno mogano, con intagli di ebano, e col meccanismo alla tedesca, reputavasi dello stesso merito del precedente. Un quinto pianoforte, in fine, a mezza coda, di legno mogano, con la tastiera di sei ottave e mezzo, secondo il recente meccanismo di Vienna utilmente innovato dal costruttore, e col pancone fortificato da barre di ferro, per eleganza, lavorio, e bontà non era secondo agli altri. Epperò i giusti encomii che dalle persone intelligenti si largheggiavano al sig. Mach, lusingavano abbastanza le cure e le sollecitudini ch'egli spende per l'incremento della sua fabbrica." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumes 50-52, Naples (Kingdom). Real Ministero dell'interno, 1855, p. 55

FIRENZE - "Piano-forte a coda di 7 ottave, con cassa di magogano, del prezzo di L. 1250. Meccanismo francese modificato : voce poco espansiva, ma buona: buoni bassi: si presta bene all'esecuzione." Expo Firenze Consiglio dei giurati: Cenno sommario dui giudizi emessi dalla commissione ..., 1861

FIRENZE - "Mach Vincenzo, avente fabbrica in Napoli, ha esposto quattro piano-forti. Il primo di 7 ottave, a coda, con cassa di mogogon, del prezzo di lire 1250, ha buoni bassi, voce di bel carattere ma non molto espansiva, e si presta assai bene alla esecuzione. Il meccanismo è immaginato sopra un sistema misto italiano e francese. Gli altri tre piano-forti sono verticali: il primo è di 7 ottave con cassa di mogogon, del prezzo di lire 1500, a corde dritte: il secondo è mezzo obliquo, con cassa di palissandro, del prezzo di lire 1000: il terzo è obliquo, del prezzo di lire 2000. Il meccanismo è francese; la voce è piuttosto buona, ma difetta di sonorità. La Sezione, in vista del merito del primo di questi piano-forti, crede che possa conferirsi al Mach l'onorificenza della medaglia, in visto tanto del primo dei suddetti strumenti, quanto dell'insieme della fabbricazione." Expo Firenze - Esposizione italiana tenuta in Firenze nel 1861, Volume 2, 1861 - Gli strumenti musicali all'esposizione italiana del 1861 descrizione sommaria e motivi dei giudizii pronunziati dalla terza Sezione della Classe 9. del Consiglio dei Giurati per L. F. Casamorata, 1861, p. 16

FIRENZE - "Mach Vincenzo, Napoli. [Napoli P. 3 A. e O.] — Pianoforti, Esposizione Firenze 1861." Catalogo officiale pubblicato per ordine della Commissione reale, Firenze, 1862

INFO EXTRA

Pianoforti.eu.org

 

1842, 1844 E 1853 colla megaglia d'oro, Napoli | Elenco d'esposizione Firenze, 1861

1875

FUMMO Antonio

(1818 - ?)

 

 

1843  

Pianoforte-armonium ca. 1868, Villa La Petraia, Napoli (Wiki)

FUMMO
su questo sito

ESPOSIZIONI

Cliccate sul link qui sopra.

Pianoforti e Fisarmonica unita (chiamato Piano-Melodio) (7) (*1860), p. 645 : 'Piano melodium' Catalogue général‎, 1867

Brevetto del 1860 : L'invenzione de pianoforti con organetti armonici a flauto. Napoli, 26 Marzo 1860. Collezione delle leggi e de' decreti reali del Regno delle Due Sicilie, 1860, p. 169-170

Brevetto del 1871 : 19. 27 gennaio 1871. Attestato di privativa per anni tre al signor Fummo Antonio in Napoli. — Auto-piano, ossia pianoforte verticale a tastiera e cilindro alla stessa corda. Annali del Reale museo industriale italiano, Volume 1, 1871, p. 421

Brevetto del 1872 : Fummo Antonio, Napoli. — Pianoforte verticale ed a coda in ferro e cristallo, invenzione Fummo — anni 3. Annuario scientifico ed industriale, 1873, p. 816

Fummo cav. Antonio, domiciliato a Napoli. — Pianoforte verticale e a coda in ferro, nuovo sistema. Anni 7. Annuario scientifico ed industriale, 1876, 821

"Invenzioni e scoperte e segnatamente del piano melodio sistro verticale ad una tastiera." Fummo Antonio, 1866

INFO EXTRA

Pianoforti a coda con organetti armonici a flauto progettati da Antonio Fummo, da Archivi Teatro Napoli Beni Culturali

 

Napoli via Toledo (1868)

178, Strada Toledo (***1865)

 

"Fabbricante di Pianoforti di S.M. il Re. d'Italia"

"Fummo Antonio, fabbricante di pianoforti, è nato a Napoli il 16 maggio 1818. Fin dall'età di 20 anni attese alla costruzione di pianoforti sotto la direzione di Carlo Enchen. 1846 intraprese l'esercizio dell'arte per proprio conto è d' allora sinoggi, oltre varie invenzioni di meccanica applicata alle arti, ha costrutto tra gli altri con sistemi propri: Piano melodio a coda e ad una tastiera, Sistro a tastiera, strumenti approvati dal 1o Congresso Musicale di Napoli (1864); Auto-piano ossia pianoforte a tastiera ed a cilindro, premiato con medaglia d'oro dal R. Istituto d'Incoraggiamento di Napoli (1871), Piroauto-piano che ottenne la Menzione Onorevole alla Mostra Marittima (1871) e Pianomelodio verticale ad una tastiera premiato con Medaglia d' argento, primo premio, dal VII Congresso Pedagogico Italiano, (Napoli 1871). Il Fummo fu decorato della Croce dei SS. Maurizio e Lazzaro e nominato Fabbricante di S. M. il Re d'Italia nel 1862." Annuario generale della musica, 1874, p. 94

"XIII. Vista la deliberazione data dal Consiglio provinciale addi 15 gennaio ultimo.
Vista la dimanda del signor Fummo cav. Antonio, costruttore di pianoforti, diretta ad ottenere un sussidio, che di unita alle lire mille all'uopo largitegli da questo Municipio, valesse a dargli agio di assistere alla Esposizione Universale di Parigi.
Attesocchè il signor Fummo è artefice di grande rinomanza, e di non comune condizione, e tale che il Municipio di Napoli non volendo confonderlo colla condizione, di quegli Operai che ha prescelto spedire a Parigi, gli è stato largo di un sussidio doppio che per gli altri;
Che ragione e convenienza volendo che tali sussidii sie no proporzionati appunto allo stato dello Artista, è forza riconoscere che le mille lire ottenute dal Municipio non possano bastare al signor Fummo. Che nel primo dispositivo della deliberazione provinciale suddetta, fu demandata la Deputazione a valutare secondo opportunità, e convenienza la somma del sussidio. Che la ripruova della convenienza di dare maggiori somme al Fummo sta nella convinzione del Consiglio di Prefettura, nella pubblica voce, nelle esortazioni della stampa, e uella eccezionalità che il Municipio ha dichiarato competere al valente inventore del nuovo Piano — melodium-sistro.Il Consiglio di Prefettura, Avvisa, Largirsi al signor Fummo una somma uguale a quella che il Municipio gli ha dato, cioè lire mille. Firmati i Consiglieri - Ferrara- Gatti - Avellino." Atti della deputazione provinciale di Napoli, 1867, p. 267-268

Brevetto a Napoli, 1859 | Elenco d'esposizione Firenze, 1861(17) | Elenco d'esposizione Parigi, 1867 | Piccola medaglia e la grande, massima ricompensa Napoli, 1870 | Elenco d'esposizione Vienna, 1873

1873

 

SARDI Giovanni

 

1843 Palermo, Sicilia ?

'Fabbricante di pianoforti' (7)

 

 

SCHMID Giovanni

&

EPPLER Giacomo
| HEPPLER

1844  

NAPOLI - "Fabbrica di pianoforti de’ Soci Giovanni Schmid, e Giacomo Eppler tedeschi sita nella Trinità degli Spagnuoli N.° 22.
Pianoforte di forma ovale di maogano riccio di sette ottave con meccanismo e scappamento all'inglese, e con cordiera di ferro coverta di legno acero per attaccarvi le corde, per duc. 500."
Elenco di saggi de prodotti della industria napolitana presentati nella ..., 1842, p. 43

NAPOLI - "La meccanica e lo scappamento del pianoforte de'soci Giovanni Schmid e Giacomo Eppler sono all'uso inglese, e ciò che vi troviamo di nuono, è la spina ed i bischeri situati al di sotto del pancone ; poichè il martello battendo la corda in senso opposto, la rende più salda, e la voce fassi più armoniosa e chiara." Expo Napoli - Rapporto letto al Real Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali, Francesco Cantarelli, 1844

NAPOLI - "Fabbrica di pianoforti dè socj Giovanni Schmid e Giacomo Eppler, nella salita Trinità degli Spagnuoli N.° 22. Pianoforte a coda di legno palissandro col pancone rivestito di ferro fuso, e con la cordiera di ferro. La spina, ed i bischeri sono situati al di sotto del pancone: utile novità, poiché il martelletto battendo la corda in senso opposto, e rendendola più salda, ne risulta che la voce fassi più armoniosa e netta. La meccanica, e lo scoppamento son costrutti all'inglese. Vi è la tastiera di avorio, che conta sei ottave e mezzo, e due tasti. Evvi la lira a due pedaliere con lo smorzo, e trasporto della tastiera, per due 500." Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana presentati nella ..., 1844, p. 53

NAPOLI - "Bella e numerosa si è mostrata la fabbricazione degli strumenti musicali in questo concorso industriale. Non meno di un'arpa, un pianoforte ad arpa, e nove pianoforti di svariate forme ne contiene la gran Sala, de'quali alcuni sono di legni esotici, altri di legni nostrali, ma quasi tutti rassomigliansi per gli ornamenti che li decorano, e per la eleganza e precisione con cui sono lavorati. Dei diversi meccanismi di pianoforti parlammo dettagliatamente nel nostro rapporto sulla mostra dell'anno 1838, e conseguentemente ora accenneremo solo qualche particolare che merita la vostra attenzione. La meccanica e lo scappamento del pianoforte de'soci Giovanni Schmid e Giacomo Eppler sono all'uso inglese, e ciò che vi troviamo di nuono, è la spina ed i bischeri situati al di sotto del pancone; poichè il martello battendo la corda in senso opposto, la rende più salda, e la voce fassi più armoniosa e chiara." Rapporto letto al Real Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali, 1844, p. 55-56

NAPOLI - "Fabbrica di pianoforti del Signor Giovanni Schmid. Un pianoforte a coda, di costruzioue e meccanismo alla francese di sette ottave.
Altro pianoforte a coda.
Altro verticale anche della estensione di sette ottave, con meccanismo di sua invenzione." Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana maggio 1853, p. 50

NAPOLI - "Pianoforti del signor Giovanni Schimd [sic]. - Non recherà più meraviglia il veder tanto moltiplicati i costruttori de'pianoforti, e tutti intenti a modificarli e perfezionarli, se riflettasi che la moda forse piucchè il gusto per la musica gli han resi di un uso così generale da potersi riguardare come mobili di una ben messa casa anzicchè come istrumenti. Tra le tante modificazioni apportate ai recenti istrumenti, quelle attenenti alle tastiere non sono certamente le meno interessanti; imperocché sonosi resi più atti alle sonate di forza e di agilità. (il seguito )

 

 

Napoli 22, salita Trinità degli Spagnuoli (*1842)(**1844)(*1845)

[EPPLER] 95, Strada Nardones (*1854)(xxx1855)(**1856)(***1865)(***1867)(**1869)(*1872)(*1873)

[SCHMID] 50, strada Nardones (**1856)

[SCHMID] 51, strada Nardones (*1872)(*1873)(**1880)

'Fabbricanti di pianoforti' (7)

Pianoforti verticali

SCHMID & EPPLER (*1842)(*1844)

SCHMID (*1872)(a)

EPPLER (*1854)(xxx1855)(**1856)(***1867)(*1872)(b)

SCHMID & PETER (??)

Brevetto a Napoli,1849 : "Schmit Giovanni. Per alcuni perfezionamenti apportati ai pianoforti. S. A. 15 novembre 1849." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ..., Volume 10, Napoli, 1863, p. 200-201

Brevetto del 1850 : "Schmit Giovanni. Per alcuni perfezionamenti alla tastiera dei pianoforti. S. A. 10 novembre 1850." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ..., Volume 10, Napoli, 1863, p. 200-201


(il seguito)

Tra queste utili rettifiche it notabile quella giudiziosamente recala dal sig. Schimd, per la quale il Reale Istituto lin dal 1850 proponeva in di lui favore il privilegio della Privativa. Lo scopo che l'ingegnoso costruttore si proponeva di raggiungere, era quello di costruire una tastiera, che ai pregi delle più accreditate, tale semplicità avesse riunito da renderne difficile il guasto, e sì tenue il prezzo da agevolare l'acquisto di un buon istrumento. Egli felicemente vi perveniva aggiungendo all'estremo del tasto un pezzo apparentemente informe, ma conformalo in modo da poter esso solo supplire ai molti pezzi degli altri sistemi. Per l'uso a cui è destinato non è che quasi una leva di terza specie avente il fulcro sul tasto, la potenza espressa da un puntello stabile che la spinge indietro per liberare la martellina, e farla ricadere; e la resistenza nella stessa martellina agente nel suo estremo. La martellina poi è anche una leva della stessa specie, poiché articolata in un punto stabile per uno de'suoi estremi, è spinta da sotto in sopra in mezzo di sua lunghezza Costa quindi la nuova tastiera di una leva di prima specie, che è il tasto, e di due di terza, lo spingitore e la martellina. Quest'ultima specie di leva è certamente la più svantaggiosa per la potenza, ma è d'altronde solo atta a produrre un pronto e rapidissimo effetto alla minima azione della potenza; tale essendo la condizione della martellina per la mano del suonatore. Battuta appena la corda, la martellina pel proprio peso ricade, ed il riprendilore, guidato da una molla sporgente dal tasto istesso, la rende al suo posto; e nello stesso temp un'altra piccola molla rimette la leva, ossia il pezzo informe, nelle condizioni in cui era per agire sulla martellina. Applica poi l'inventore ai suoi pianoforti lo smorzo a sistema inglese, meno per la facile costruzione, che per la maggiore corrispondenza a questo suo congegno. Di questo nuovo sistema tutto il merito ne apprezzavamo nel bel pianoforte orizzontale, colla tastiera di sette ottave, ch'egli recava nelle pubbliche sale, al quale stavan bene associali un secondo pianoforte anche di concerto, colla tastiera alla Pleyel, e della estensione di sette ottave; ed un terzo tastiera da lui resa con molta maestria più acconcia allo scopo. I quali strumenti per la eleganza ed esattezza di costruzione, per la uguaglianza della tastiera, e molto più per la ricercata voce flautata, di non scarsa lode tornavano al loro fabbricante." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumes 50-52, Naples (Kingdom). Real Ministero dell'interno, 1855, p. 55-56

Medaglia di argento Napoli, 1844 | Elenco d'esposizione Napoli, 1853

1882

STUCCHI Luigi 1846  

MILANO - "I due piano-forti a coda sono, il primo della fabbrica nazionale di Luigi Stucchi di Vimercate con deposito in Milano, il secondo della ditta Michele Voetter e F., che espose parimenti un piano-forte verticale. Merita attenzione il piano-forte a coda del signor Stucchi a doppio scappamento; ma è pur forza osservare che i suoni sebbene forti, mancano tuttavia di quella rotondità e dolcezza che si richiederebbero a rendere perfetto tale istromento." L'Italia musicale, Volume 3, Francesco Lucca, 1851, p. 181

MILANO - "Pianoforte a coda, con meccanica così detta a doppio scappamento, per la quale si ottiene un secondo colpo senza levare il dito dal tasto, e quindi con facilità il trillo. -- Della fabbrica di LUIGI STUCCHI in Vimercate." Atti della distribuzione de' premj d'industria, Volume 15, 1851

MILANO - "Il sig. Luigi Stucchi perfezionò i piano-forti verticali, ed ebbe la medaglia d'argento con giudizio sospeso per il massimo premio." Annali universali di statistica, economia pubblica, geografia, storia ..., 1853

MILANO - "LUIGI STUCCHI. – Quest'artefice, tramutatosi ora da Vimercate in Milano, presentava alla esposizione del 1851 un pianoforte a coda, contenente il meccanismo a doppio scappamento. Veniva lodato questo strumento per l'accuratezza del lavoro, ma dal lato della omogeneità e sonorità delle voci lasciava alcun che da desiderare. Dedicatosi quindi alla costruzione di cembali ad armadio, che permettono una maggiore economia di spazio e riescono di minor prezzo, adottò, per allargare l'influenza della tavola armonica, il noto metodo di attaccarvi le corde obbliquamente. Pose inoltre molta diligenza nell'applicare opportunamente le catene di rinforzo, nel collocare gli archetti o ponticelli a determinate distanze dal sommiero, nella scelta delle corde e nella giusta posizione dei martelli. Con queste cure, i due cembali presentati all'attuale concorso, per robustezza, omogeneità, e dolcezza di suoni, non meno che per finitezza di lavoro, sembrano poter competere con alcuni usciti dalla fabbrica di Erard, nella quale lo Stucchi passò qualche anno a perfezionare la sua educazione. L'Istituto gli decreta perciò la seconda corona, colla promessa del massimo premio qualora egli mostri con successive e più numerose costruzioni di essersi impadronito dell'arte in guisa che non si possano attribuire al caso gli ottimi risultati finora ottenuti." Giornale dell'I.R. Istituto Lombardo di Scienze, Lettere ed Arti e ..., 1853, p. 111

 

Vimercate

Milano

1232, contrada de' Bigli (**1854)

1223, contrada de' Bigli (**1857)

571, contrada della Passarella (***1858)

5, contrada di San Prospero (**1859)

21, via San Pietro all'Orto (**1870)(**1871)(**1879)

14, via Cerva (*1893)(*1896)(*1897)

a Milano

 

Costruttore e restauratore, (5) p. 161, (x1860). STUCCHI ha imparato da Giuseppe CATTANEO e ERARD a Parigi, prima di comiciare se stesso. (6)


(il seguito)

FIRENZE - "Stucchi Luigi, Milano [Istituto Lombardo A. 1853, B. 1851. j — Pianoforte." Catalogo officiale pubblicato per ordine della Commissione reale, 1861

FIRENZE - "Stucchi Luigi di Milano, espose un piano-forte verticale di forma bassa, del prezzo di lire 1000. La voce di questo strumento apparve alla Sezione assai buona; buonissimi i bassi, e se gli acuti fossero alquanto migliori, questo piano-forte potrebbe considerarsi fra i buonissimi : cosicché sembra alla Sezione che questo fabbricante, anch'esso perseverante e zelantissimo nel far progredire la costruzione, debba esser rammentato con lode." Expo Firenze - Esposizione italiana tenuta in Firenze nel 1861, Volume 2, 1861

MILANO - "86. Stucchi Luigi, Milano. Pianforte verticale." Guida ufficiale della Esposizione industriale italiana in Milano nel ..., 1871, p. 63

 

Elenco d'esposizione Milano, 1851 | Medaglio d'argento Milano, 1853 | Medaglia d’argento dell’Istituto Lombardo, 1855 | Elenco d'esposizione Firenze, 1861 | Elenca d'esposizione, Milano, 1871

 
COLOMBO Angiolo Cesare

(? - 1899)(2)

1848  

 Piano à queue n° 88, Museo degli Strumenti Musicali, Castello Sforzesco, Milano, Italia

Brevetto del 1860 : "Attestato N. 370, vol. 2° - perfezionamenti al pianoforte. P. - 3 anni, a datare dal 30 giugno 1860 - Colombo Angelo Cesare, a Milano, via S. Mattia alla moneta N. 4." Descrizione delle macchine e procedimenti per cui vennero ..., Volumes 4-6, 1860, p. 317

COLOMBO
su questo sito

ESPOSIZIONI

 

Vimercate

Milano

 

1023, Corsia del Duomo (*1836)

a Vimercate

4, contrada San Mattia alla Moneta (*1838)

1023, Corsia del Duomo (***1856)

1025, corsia del Duomo (**1857)

3134, contrada San Mattia alla Moneta (***1858)

4, via S. Mattia alla moneta (xx1860)

6, via Moneta (**1870)(**1871)

14, via Tre Alberghi (**1873)

7, piazza San Sepolcro (**1879)

6, via Nuova (1883)(2)

4, via Rasori (1885)(2)

15, via Disciplini (**1886)

p. le Magenta I (1886)(1889)(2)

2, Passaggio Carlo Alberto (**1887)

8, Passaggio Carlo Alberto (1889)(2)

12, via Unione (1892)(2)

6, via Mussa (*1893)

2, Passagio Carlo Alberto (*1909)(*1910)

7, via Unione (1910)(2)

12, via Unione (*1921)

36, via Napoleone (*1929)

4, via Perlezza (?)

a Milano

 

40 impiegati in 1855 - 57

150 piani per due anni in 1857

'Fabbricante di pianoforti'

Pianoforti verticali e a coda

"COLOMBO, originario di Vimercate, Sicuramente Angelo Cesare, originario di Vimercate, già negli anni ’40 gestisce con il fratello Carlo una fiorente fabbrica di pianoforti denominata «Fratelli Colombo» (nel 1851 espongono un loro strumento all’Esposizione industriale di Milano). Nel frattempo Angelo si reca con Luigi é Stucchi, anch’egli di Vimercate, presso Boisselot (Marsiglia) per apprendere le tecniche di costruzione con i nuovi sistemi di intelaiatura muniti di spranghe di ferro. Produce strumenti particolari, fra i quali lo scurtorne (un pianoforte a piccola coda) realizzato in legno di abete." (2) Vedete BOISSELOT (°1827) e STUCCHI (°1846)

COLOMBO Angelo Cesare (**1873)(1886)(1888)(1892)

COLOMBO e Figlio (*1893)

COLOMBO e Cia (1903-32)

Pianoforti (7), (x1860) p. 257, (12) p. 443

VEDI ANCHE ...

  COLOMBO a Torino

Elenco d'esposizione Milano, 1851 | Elenco d'esposizione Milano, 1853 | Medaglia d’argento dell’Istituto Lombardo, 1855 | Medaglia d’oro dell’Istituto Lombardo, 1857 | Elenco d'esposizione Firenze, 1861 | Elenco d'espozione Milano, 1871

Brevetto : Innovazione nei pianoforti, 1899

1932

PITTALUGA Giuseppe Francesco

(1795 - 1865)

 

 

1848  

Fabbr. pianoforti ed armonium

CARTOLINA

PUB

Fornitori di S.A.R. Il Principe Oddone
PITTALUGA E FIGLIO Cornigliano Ligure presso Genova
Fabbricanti di pianoforti ed armonii
Vendite - Affitti - Riparazioni ed accordature

 

Corneliano, Genova 3, via Goffredo Mameli (*1922)

 17, r. via Gioffredo (*1929)

 

'Fabbricante di pianoforti' ed armonium

PITTALUGA e Figli (?)

TORINO - "Al sig. Pittaluga Giuseppe, in Corneliano (Genova) (1149).
Il suo armonium venne trovato sufficientemente buono, e dà a sperare che migliorando egli quella sua industria potrà competere coi prodotti esteri." Relazione dei giurati e giudizio della R. Camera di agricoltura e commercio, 1858, p. 286

MARCA

G. DECHSTEIN

 

Menzione onorevole Torino, 1858

1953

MADONNA Vincenzo fu Raffaele 1849 Lecce via Federico d'Aragona (**1920)

Corso Vittorio Emmanuele II (*1929)(1933)

 

'Fabbricante e negoziante di pianoforti'

Pianoforti ed Armonium

MADONNA Alfredo fu Raffaele (**1920), 'negoziante musica'

MADONNA Oronzo, 'Ditta Oronzo Madonna fu Vincenzo fabbricante e Negoziante di Pianoforti LECCE - Corso Vittorio Emmanuele'(1933) e publicazione di 1932.

VEDI ANCHE ...

MADONNA Raffaele a Napoli, ca. 1858.

 

 

1926

MAURER Giovanni
| MACARER
1849

NAPOLI - "Fabbrica di pianoforti del Signor Giovanni Maurer :
Strada S. Teresella de‘Spagnoli n. 4. Un pianoforte a coda." Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana maggio 1853, p. 50

NAPOLI - "Pianoforte del signor Giovanni Maurer - Nei moderni pianoforti, come negli antichi gravicembali, i bischieri di ferro destinati a dare alle corde la convenevole tensione, sono verticalmente infissi e girevoli in altrettanti buchi conici. Da ciò la facilità di smoversi e di uscire dalla loro posizione per effetto delle oscillazioni alle corde impresse dal batter dei martelli; onde perdendo queste facilmente l'accordo, si deve spesso ristabilirlo. Questo notabile inconveniente in uno strumento cotando generalizzato si toglieva in un modoquanto semplice, altrettanto sicuro ed elegante dal. sign. Maurer, ed il Reale Istituto, che sin dal 1849 ne valutava tutto il pregio, raccomandava l'inventore alla munificenza dell'ottimo Monarca per un Brevetto di Privativa. (il seguito )

INFO EXTRA

MAURER Giovanni da Archivi Teatro Napoli Beni Culturali, sul brevetto di 1855

Napoli 4, Strada Santa Teresella de‘Spagnoli (**1853)

24, Largo Spirito Santo (**1856)

 

'Fabbricante di pianoforti' (7)

Ha fatto un viaggio da Civitavecchia nel'1842 (*1842) p. 428.

Ha introdotto in 1853 una struttura di un pezzo del ferro. (x1860)


(il seguito)

Nei pianoforti del Maurer i bischieri son perni di ferro posti orizzontalmente, attaccati al banco con la vite che costituisce il oro estremo, e sono assicurati dalla parte opposta con delle scrofolette. Le corde stanno appicate a quei perni per mezzo di un uncinetto che sta all'estremo di quelli, che formano coi perni stessi una linea parallela alla cassa dell'istrumento. Or le corde tirando i bischeri nella stessa direzione, che ha spirale della vite, con cui bischeri sono attaccati al banco, nelle loro oscillazioni secondano, e non contrastano la direzione che ha la situazione dei perni. Questo sistema applicato con pancone e cordiera di ferro nel pianoforte messo in mostra, ben facea vedere quanto esso influisca alla durata dell'accordo non solo, ma bansi alla conservazione del mobile, non avendo la forza di tensione delle corde alcuna influenza sul legno, perché interamente contrastata dal telaio metallico. Epperò se il valente Maurer dava per tal modo una positiva solidità, ed un accordo durevole ai pianoforti, le maggiori considerazioni si richiamava dei giusti estimatori delle applicate verità meccaniche." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumes 50-52, Naples (Kingdom). Real Ministero dell'interno, 1855, p. 57

Brevetto di 1855 : "Signor Giovanni Maurer per l'invenzione di un metodo da rendere fermo e durevole l'accordo a pianoforti." Collezione delle Leggi e de Decreti Reali del Regno delle Due Sicilie Door Naples, 1855, p. 313-14

"Maurer Giovanni. Perfezionamenti ai pianoforti. S. A. 4 gen. 1855." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ..., Volume 10, Napoli, 1863, p. 200-201

 

Elenco d'esposizione Napoli, 1853 | Elenco d'esposizione Napoli, 1855

1882

MÜLLER Federico e fratello 1849  

 Piano à queue ca. 1856, Museo del pianoforte storico e del suono, Fabriano, Italia

"Fabbrica di pianoforti con Real Privativa de’ fratelli Muller: Vico Monteroduni n. 22.
Un pianoforte di nuova costruzione a coda di sette ottave con lo scappamento a doppio registro.
Altro pianoforte anche a coda di sette ottave di nuova costruzione con lo scappamento a doppio registro." Altro pianoforte verticale di sei ottave e mezzo a due tasti." Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana maggio 1853, p. 51

"Pianoforti dei signori fratelli Muller e Peisig. - I rinomati costruttori Pleyel ed Erhard avendo saputo giudiziosamente ovviare ai notabili difetti delle antiche tastiere de'pianoforti orizzontali, le loro invenzioni tanta rinomanza acquistarono, che quasi tulli gli strumenti che ci vengono dall'estero, o che si costruiscono in Napoli, hanno le tastiere secondo il sistema dell'uno o dell'altro. Risultando però queste dalla combinazione di molti piccoli pezzi, ciascuno de'quali è destinato ad uno speciale uffizio, e che si metton tutti complessivamente in azione ad ogni minimo movimento del tasto; ne risulta, che le tastiere così costrutte per la loro complicazione costan molto, si guastano facilmente, e malagevole ne riesce la riparazione. Intenti i fratelli Müller ad escogitare un nuovo sistema, che ai pregi di quello di Erhard, aggiungesse semplicità, faciltà di esecuzione, solidità, ed economia, felicemente vi pervenivano. Tutto il congegno infatti dei Müller non consiste che nel munire il tasto di una specie di leva zancata, la quale mentre con un estremo spinge la martellina da sotto in sopra contro la corda, coli'estremo opposto limita l'ampiezza de'suoi movimenti. La martellina, essendo articolata su di un punto stabile, urtata appena la corda, ricade pel proprio peso; e mentre allora il riprenditore, situato rerso l'estremo del tasto, la fissa nel suo posto, una piccola molla rimette la leva nelle pristine condizioni per poterla riurtare. (il seguito )

 

Napoli 22, Vico Monteroduni (***1853)

 

'Fabbricante di pianoforti'

MÜLLER BROS. & PEISIG (1855)(*1867)

Erano i primi per introdurre la doppia azione dello scappamento in quella zona. (Brevetto nel 1850) (7)


(il seguito)

L'estremo poi del tasto funziona da potenza contro una leva di seconda specie che l'è di rincontro, la di cui resistenza è espressa dallo xmorzo, che si muove perciò da sotto in sopra. Epperò movendosi il tasto, mentre la martellina è spinta contro la corda, con minima forza lo smorzo ascende, libera la corda, e la rende capace di suonare; ma nel rimettersi il tasto, lo smorto immantinenti ricade, e spegne nella corda le impresse vibrazioni. Questo nuovo sistema essendo stato riconosciuto dal Reale Istituto di positivo vantaggio per un istrumento divenuto ora di uso generale; il munificente Monarca sin dal 1850 ne guiderdonava gli inventori con Brevetto di Privativa. Tutto il pubblico ancora apprezzava il merito dei Miiller nei tre pianoforti da essi recali in mostra, due dei quali erano orizzontali per concerto, ed il terzo verticale. I primi distinti per la voce sonora, non lo erano di meno per la straordinaria docilità delle tastiere, di sette ottave, come costrutte secondo il loro sistema, che dicono o doppio registro; onde non poche parole di Iodi venivan rivolte ai valenti costruttori da tutti coloro, che dell'arte divina della musica eran sapienti." Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumes 50-52, Naples (Kingdom). Real Ministero dell'interno, 1855, p. 53-54

Brevetto del 1850 a Napoli : "Müller Federico. Per un meccanismo atto a migliorare la, tastiera dei pianoforti verticali. S. A. 1 marzo 1850." Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ..., Volume 10, Napoli, 1863, p. 200-201

 

Elenco d'esposizione Napoli, 1853 | Elenco d'esposizione Napoli, 1855

1875

   
 

(**1820): 'Almanacco di commercio, Milano', 1820, p. 117-118

(**1821): 'L'Interprete Milanese ossia Guida per l'anno 1821', p. 128-130

(**1822): 'Almanacco di commercio, 1822', p. 128-129

(**1824): 'Gazzetta di Milano', 12/04/1824, p. 4

(*1826): 'Gazzetta di Firenze', 26/09/1826, p. 112

(**1826): 'L'Interprete Milanese Ossia Guida: Per L'Anno 1826', Volume 7, p. 297-299

(**1827): 'L'Interprete Milanese Ossia Guida: Per L' Anno 1827', Volume 8, p. 375-377

(**1828): 'Guida Milanese: Per L' Anno 1828', Volumes 4-5, 1828, p. 337-339

(*1829): 'Revue musicale', Volume 4, François-Joseph Fétis, 1829, p. 152-153

(**1829): 'Utile giornale ossia Guida di Milano per l'anno 1829', p. 273-275

(***1829): 'Gazetta di Milano', 14/03/1829, p. 364

(**1830): 'Gazzetta di Firenze', 06/05/1830, p. 14

(G.P.1832): 'Gazzetta piemontese', 1832

(**1832): 'Elenco Di Saggi', 1832, p. 67

(*1833): 'Annali civili del regno delle Due Sicilie', Volumes 1-3, Naples (Kingdom). Real Ministero dell'interno, 1833

(**1833): 'Gazetta Privilegiata di Milano 16/10/1833, p. 1266

(*1834): 'Il Progresso delle scienze, delle lettere e delle arti, Tipografia Flautina', 1834

(**1834): 'Guida Milanese : Per L' Anno 1834', Volume 10, 1834, p. 426-427

(x1834): 'Gazzetta di Firenze', 28/01/1834, p. 22

(**1835): 'Raccolta degli atti del governo e delle disposizioni generali ...', Volume 1, 1835, p. 84

(*1836): 'Annali civili del regno delle Due Sicilie', Volumi 10-12, 1836, p. 81

(**1836): 'Guida di Milano per l'anno 1836', p. 232-233

(***1836): 'Almanacco Comunale E Provinciale Milanese Ossia Manuale', 1836, p. 324

(**1837): 'Utile giornale ossia guida di Milano per l'anno 1837', p. 405-407

(*1838): 'Descrizione delle macchine e procedimenti per cui vennero accordati attestati di privativa ...', Volumes 4-6, 1838

(**1838): 'Collezione delle Leggi e de'Decreti Reali del Regno delle Due Sicilie', Naples (Kingdom),Naples (Kingdom), 1838

(***1838): 'Rapporto delle adunanze tenute dalla terza classe dell'I. e R. Accademia', 1838, p. 102

(x1838): 'Utile giornale ossia Guida di Milano per l'anno 1838', p.416-418

(xx1838): 'Corografia fisica, storica e statistica dell'Italia e delle sue ...', Volume 4, Attilio Zuccagni-Orlandini, 1838, p. 362

(*1839): 'ANNALI CIVILI DEL REGNO DELLE DUE SIGILIE ', 1839

(**1839): 'Utile giornale ossia Guida di Milano per l'anno 1839', p. 417-418

(*1841): 'La Moda. Giornale dedicato al bel sesso.'(Estensore: Francesco Lampato), 1841, p. 244

(**1841): 'Utile giornale ossia guida di Milano per l'anno 1841', p. 429-431

(*1842): 'Giornale delle due Sicilie', 1842

(*1842): 'Elenco di saggi de prodotti della industria napolitana presentati nella ..., 1842, p. 46

(**1842): 'Guida di Milano per l'anno 1842', p. 439-441

(*1844): 'Annali civili del regno delle Due Sicilie, Volumes 34-36', Naples (Kingdom), Real Ministero dell'interno, 1844

(**1844): 'Elenco di saggi dei prodotti della industria napolitana presentati nella solenne mostra', 1844

(***1844): 'Rapporto letto al Real Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali', Francesco Cantarelli, 1844

(x1844): 'Elenco di saggi de'prodotti della industria napolitana presentati nella ...', 1844

(*1845): 'Album scientifico-artistico-letterario: Napoli e sue provincie', 1845

(***1845): 'Utile giornale ossia guida di Milano per l'anno 1845', p. 485-487 (Archive.org)

(**1846): 'Bazar di novita artistiche, letterarie e teatrali', Volume 6, 06/05/1846, p. 446

(**1847): 'Guida Milanese: Per L' Anno 1847', Volumes 21-24, 1847, p. 630-633

(**1850): 'Guida Milanese: Per L' Anno 1850', Volumes 21-24, 1850, p. 560-563

(*1853): 'Annali universali di statistica, economia pubblica, geografia, storia ...', 1853

(**1853) 'Guida Milanese: Per L' Anno 1853', Volumes 25-31, 1853, p. 592-594

(***1853): 'Elenco di saggi de' prodotti della industria napolitana maggio 1853', p. 50-52

(x1853): 'Giornale ... e Biblioteca italiana, Istituto lombardo di scienze e lettere, 1853

(*1854): 'L'osservatore di Napoli, ossia Rassegna delle istituzioni civili, de ...', 1854, p. 568

(**1854): 'Guida di Milano per l'anno 1854', p. 612-614

(xx1854): 'Annuaire général du commerce, de l'industrie, de la magistrature et de l'administration : ou almanach des 500.000 adresses de Paris, des départements et des pays étrangers', 1854, p. 2223 (Gallica)

(*1855): 'Collezione delle Leggi e de Decreti Reali del Regno delle Due Sicilie Door Naples', 1855, p. 313-14

(**1855): 'Handels- und Gewerbs-Schematismus von Wien und dessen nächster Umgebung', 1855, p. 278-279

(***1855): 'Annali civili del regno delle Due Sicilie', Volumes 50-52, Naples (Kingdom). Real Ministero dell'interno, 1855, p. 57

(x1855): 'Nuova guida di Padova e suoi dintorni con disegni di Marco Moro. - Padova', 1855, p. 186

(xx1855): 'Annuaire général du commerce, de l'industrie, de la magistrature et de l'administration : ou almanach des 500.000 adresses de Paris, des départements et des pays étrangers', 1855, p. 2223 (Gallica)

(xxx1855): 'L'Osservatore di Napoli', 1855, p. 568

(*1856): 'Giornale dell'I. R. istituto lombardo di scienze, lettere ed arti', Volume 8, 1856

(**1856): 'Album, ossia Libro d'indirizzi commerciale, scientifico, artistico per l'anno 1856', p. 88/90-91/94/

(***1856): 'Un romanzo in vapore da Firenze a Livorno', Carlo Lorenzini, 1856, p. 215

(*1857): 'Collezione degli atti delle solenni distribuzioni dei premi d'industria ...', 1857

(**1857): 'Guida Milanese: Per L' Anno 1857', Volumes 25-31, 1857, p. 648-650

(*1858): 'Album descrittivo della sesta esposizione nazionale di prodotti d'industria nell'anno 1858', Torino 1858

(**1858): 'Annuaire-almanach du commerce, de l'industrie, de la magistrature et de l'administration : ou almanach des 500.000 adresses de Paris, des départements et des pays étrangers' : Firmin Didot et Bottin réunis, 1858, p. 2308 (Gallica)

(***1858): 'Guida di Milano per l'anno 1858', p. 656-658

(*1859): 'Annuaire-almanach du commerce, de l'industrie, de la magistrature et de l'administration : ou almanach des 500.000 adresses de Paris, des départements et des pays étrangers', Firmin Didot et Bottin réunis, 1859, p. 2361 (Gallica)

(**1859): 'Guida Milanese: Per L'Anno 1859', Volumes 25-31, 1859, p. 646-649

(*1860): 'Il Paese: giornale politico-letterario', s.n., 1860

(**1860): 'Guida di Firenze e suoi contorni con vedute e pianta della città aggiuntavi ...', 1860, p. viii-ix

(***1860): 'Atti del governo estratti dal giornale officiale di Napoli', Nummers 1-27, Neapolitan Provinces, 1860

(x1860): 'Annali universali di statistica, economia pubblica, legislazione, storia, viaggi e commercio', 1860, p. ?

(xx1860): 'Descrizione delle macchine e procedimenti per cui vennero ...', Volumes 4-6, 1860, p. 317

(*1861): 'Consiglio dei giurati: Cenno sommario dui giudizi emessi dalla commissione ...', 1861

(**1861): 'Esposizione italiana tenuta in Firenze nel 1861', Volume 2, 1861

(***1861): 'Catalogo officiale pubblicato per ordine della Commissione reale', 1861

(x1861): 'Annuaire-almanach du commerce, de l'industrie, de la magistrature et de l'administration : ou almanach des 500.000 adresses de Paris, des départements et des pays étrangers', Firmin Didot et Bottin réunis, 1861, p. 2477 (Gallica)

(*1862): 'Catalogo officiale pubblicato per ordine della Commissione reale', Firenze, 1862

(**1862): 'A Handbook for Travellers in Southern Italy', 1862, p. 75

(*1863): 'Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di ...', Volume 10, Napoli, 1863, p. 200-201

(***1863): 'Guida civile amministrativa commerciale della città di Firenze', 1863, p. 328

(**1865): 'A Handbook for Travellers in Southern Italy: Being a Guide for the Provinces', 1865, p. 79

(***1865): 'Guide-almanach de l'étranger pour Naples et ses environs', 1865, p. 340

(*1867): 'Catalogue général'‎, 1867

(**1867): 'L'Italie économique, avec un aperçu des industries italiennes à l'Exposition ...‎ ', 1867

(***1867): 'Italy, handbook for travellers, third part, southern Italy, Sicily, ...', Karl Baedeker, 1867

(*1868) 'Guida pratica per costruttori, accordatori, dilettanti e possessori di pianoforti', Sievers, 1868

(**1868): 'A Handbook for Travellers in Southern Italy', 1868, p. 83

(***1868): 'Torino e le sue vie', Giuseppe Torricella, 1868

(xx1868): 'Rivista contemporanea nazionale italiana', 1868, p. 275-278

(*1869): 'La musique, les musiciens et les instruments de musique: chez les différents ...', Oscar Comettant, 1869

(**1869): 'Italy: Handbook for Travellers', Volume 3, 1869, p. 31

(**1870): 'Guida di Milano Per L' Anno 1870', 1870, p. 797-799 (Archive.org)

(*1871): 'Rivista contemporanea', Volume 54, 1871

(**1871): 'Guida di Milano Per L' Anno 1871', 1871, p. 836-838 (archive.org)

(x1871): 'Relazione illustrata della esposizione campionaria fatta per cura della ...', 1871, p. 189-190

(xx1871): 'Giuda di Torino', 1871, p. 184

(*1871-72): 'Guida generale di Torino e Italia, anni 1871-72', G. Galvanoe, 1872

(*1872): 'A Pocket Guide for Travellers at Naples by E. Cedronio : Traslated from the ...', 1872, p. 23

(**1872): 'Economista di Roma, rivista ebdomadaria, 07/01/1872, p. 1

(***1872): 'Italy : Handbook for Travellers', 1872, p. 27

(*1873): 'Italy : Handbook for Travellers', 1873, p. 28

(**1873): 'Guida generale di Milano ed intera provincia contenente gli indirizzi di ...', 1873, p. 44

(**1875): 'I nostri fasti musicali dizionario biografico di Parmenio Bettoli', 1875, p. 25-27

(*1878): 'Rapport sur les instruments de musiques à l'exposition universelle de 1878', Chouquet

(**1878): 'Ober-Italien', Volume 1', 1878

(**1879): 'Guida di Milano Per L'Anno 1879', 1879, p. 1076-1079 (archive.org)

(**1880): 'Italy: Handbook for Travellers, Volume 3, 1881, p. 27

(**1881): 'Nuova guida della città di Milano e sobborghi pel 1881' (archive.org)

(**1886): 'Guida di Milano Per L' Anno 1886', 1886, p. 1117-1119 (archive.org)

(**1887): 'Annuario teatrale italiano per l'annata', 1887, p. 833/839

(*1893): 'Annuaire des artistes et de l'enseignement dramatique et musical', 1893 (Gallica)

(*1895): 'Annuaire des artistes et de l'enseignement dramatique et musical', 1895 (Gallica)

 

 

 

 

 

 

 

 

 
   

(*1903): 'Annuaire des artistes et de l'enseignement dramatique et musical', 1903 (Gallica)

(**1903): 'Emporium', 1903, n. 98, p. 482

(*1905): 'Annuaire des artistes et de l'enseignement dramatique et musical', 1905 (Gallica)

(*1906): 'Annuaire des artistes et de l'enseignement dramatique et musical', 1906

(*1907): 'Annuaire des artistes et de l'enseignement dramatique et musical', 1907 (Gallica)

(*1909): 'Annuaire des artistes et de l'enseignement dramatique et musical', 1909 (Gallica)

(*1910): 'Annuaire des artistes et de l'enseignement dramatique et musical', 1910 (Gallica), Italia p. 1273-1284

(**1920): 'Giornale della libreria, della tipografia, e delle arti ed industrie affini', Volume 33, 1920, p. 28

(*1921): 'The music trade directory', Volume 32

(*1922): 'Musique-Adresses Universel', 1922

(*1929): 'Musique-Adresses Universel', 1929

(*1933): 'Torino-Aosta e Provincie', 1933, p. 470 (museotorino.it)

(1): 'Histoire de piano de 1700 à 1950', Mario Pizzi, 1983

(2): 'Costruttori e rivenditori di strumenti musicali a Milano nella «Guida Savallo» (1880-1920)', PAOLA CARLOMAGNO

(4): 'I costruttori di pianoforti a Milano tra XVIII e XIX secolo', per Renato Meucci

(5): 'The Songs Of Luigi Gordigiani'(1806-1860),- “Lo Schuberto Italiano”, by THOMAS M. CIMARUSTI

(6): Makers of the Piano: 1820-1860, Martha Novak Clinkscale

(7): 'The Encyclopedia of the Piano', Robert Palmieri, Margaret W. Palmieri, 2003

(10): 'The Piano', Cyril Ehrlich

(12): 'Pianos and Their Makers'Alfred Dolge, Courier Dover Publications, 1972

(13): Evidenze Costruttive Del Pianoforte italiano dopo il Christofori

(14): 'Dizionario della Musica del Ducato di Parma e Piacenza'

(16): www.treccani.it/enciclopedia Marchisio

(17): 'Atti del R. Istituto d'incoraggiamento alle scienze naturali di Napoli'- P. 200 R. Istituto d'incoraggiamento di Napoli, 1863

(18): 'Un'industria «troppo imperfetta: la fabbricazione dei pianoforti a Torino nell'Ottocento', Annarita Colturato in 'Fonti Musicale Italiane', n°12, 2007

(19): 'Il Teatro illustrato: 1880 - 1892. Calendar 1887-1892, Volume 2', 1993

 

 

 

in ordine alfabetico

a | b | c | d | e | f | g | h | i | j | k | l | m | n | o | p | q | r | s | t | u | v | w | x | y | z

 per data di fondazione

1710 - 1849 | 1850 - 1899 | 1900 - 2017

  © Copyright all rights reserved