home | Fabbricanti di pianoforti in Italia


 

AYMONINO Giacinto
a Torino (°1858)

1858

Expo 1858, Torino

TORINO - "AYMONINO GIACINTO - in Torino, via della Rocca, n° 22 - PREMIATO CON MEDAGLIA D'ARGENTO.

Il sig. Aymonino è il primo nei nostri Stati che ardi impiantare una fabbrica completa ed in grande scala di Piano-forti ed Armonium, ed il successo che accolse l'ardita sua intrapresa è il miglior garante della superiorità e bontà dei suoi prodotti.

Egli fabbrica attualmente più di 200 pianoforti all'anno, ed è occupato ad ingrandire ancora i suoi laboratorii, aumentando i suoi attrezzi ed accrescendo il numero degli operai che vi lavorano, onde sostenere con maggior successo ancora che del passato la concorrenza straniera.

Cercò di introdurre presso di noi la fabbricazione dei meccanismi da piano-forti che sinora si tirano tutti dalla Francia, e le prime e felici prove che egli faceva lo incoraggeranno a continuare in quella via: lo stesso diremo degli Armonium che cominciò in quest'anno appunto a fabbricare nelle sue officine, e che speriamo si andranno migliorando in modo da uguagliare quel che ci viene di meglio in tal genere dalla Francia.

I Piani presentati dal sig. Aymonino erano in numero di quattro, tutti di modello diverso, l'uno a due corde, in mogano, semplice e di bassissimo prezzo; il secondo di gran formato a tre corde; i due altri metà-obliqui a tre corde di piccolo e di grande formato. 

Dagli sperimenti fatti dalle persone dell'arte, e dal giudizio che ne portarono i membri del Giurì d'esame ed i più rinomati Maestri della capitale, gli strumenti di questo Fabbricante sono di eccellente qualità, e degni di essere paragonati con quelli dello stesso genere e prezzo che fanno di meglio in Francia.

Per quanto ai lavori di stipettajo, essi vennero pure favorevolmente giudicati dal pubblico, ed i nostri lellori potranno dalle fig. 1, 2, 3 e  della Tav. XII farsi un'idea delle loro buone proporzioni, e della semplicità ed eleganza della loro ornamentazione.

I progressi che il signor Aymonino ha fatto fare all'industria nazionale dei pianoforti e la grande estensione che ha dato a quella fabbricazione, ciò che è dimostrato dalla già ragguardevole esportazione che fa de' suoi istrumenti lo hanno fatto giudicare dalla Camera di Commercio meritevole di una medaglia d'argento, e ciò sia per ricompensarlo del già fatto, che per incoraggiarlo a migliorare sempre più i suoi metodi di fabbricazione ed a perseverare nella via sin ora battuta con tanto successo." Album descrittivo della sesta esposizione nazionale di prodotti d'industria nell'anno 1858, expo Torino 1858, p. 41-42

TORINO - "1148. AYMONINO Giacinto, in Torino (via della: Rocca, n° 22). Piano-forte a due corde in mogano semplice. Altro a grande formato ed a tre. corde. - Altro metà-oblique a tre corde. - Altro simile, a grande formato. - Armonio." Expo Torino 1858  Catalogo della sesta esposizione nazionale di Prodotti d'Industria nell' anno 1858, p. 188

TORINO - "Cinque sono gli espositori di pianoforti, Clotz-thibaux, Berra, Roeseler, Ajmonino e Verani. [...] del quarto uno a due corde, l'altro a tre, oltre ad uno armonico. [...] e infine Ajmonino e Verani, anch'essi conscicnziosi industriali, ma non cosi scientifici quanto i precedenti, favorevolmente noti ai quattro primi esecutori della musica italiana: List [Liszt], Talbergh, Dòller e Villemann." Rivista contemporanea, Volume 14, 1858, p. 301-302

TORINO - "Piano-forte a due corde in mogano semplice. - Altro a grande formato ed a tre corde. - Altro metà-obliquo a tre corde - Altro simile, a grande formato." Expo Torino 1858 (10)

TORINO - "Deschaux Lorenzo. Allievo della rinomata fabbrica di pianoforti del sig. Herz di Parigi, ove fu lungo tempo impiegato come perfezionatore (égaliseur) di pianoforti, ed ove si istruì in tutti i rami delle costruzioni di questi strumenti; egli è ora impiegato dal sig. Aymonino, ed alla sua intelligenza e perizia sono dovuti in parte i perfezionamenti e l'estensione che quel distinto fabbricante ha dati alla sua industria, e non si dubita che se il Deschaux vorrà continuare ad aiutare con costanza ed assiduità il suo capo nella sua difficile impresa, non si possa ben presto emulare i forestieri in quest'arte così difficile." Relazione dei giurati e giudizio della R. Camera di agricoltura e commercio, 1858, p. 290

TORINO - "Medaglia d'argento al sig. Aymomino Giacinto, in Torino (1148).
Nei quattro pianoforti presentati dal sig. Aymonino la Commissione ravvisò pregi e qualità sufficienti in proporzione del prezzo di cadono strumento. In generale presentavano buona natura di suono, omogeneità di voce in tutta l'estensione della tastiera, docilitlr nei tasti e facilità a ricavarne gli effetti musicali.

L'officina del sig. Aymonino è di gran lunga la più importante degli Stati in tal genere; egli dichiarò di fabbricare annualmente più di duecento pianoforti, ed occupa trentacinque operai. Una parte già ragguardevole dei suoi prodotti è destinata all'esportazione.

Questo fabbricante è poi lodevole per il tentativo che ha fatto di fabbricare nel paese i meccanismi da pianoforte, che sinora tutti fanno venire di Francia.

La Commissione spera che questo primo e forse incompleto tentativo non rimarrà infruttuoso, e sarà seguitato in quella officina da tutto quanto occorre ad una completa e regolare fabbricazione di questi meccanismi. Ne a ciò si sono limitati i tentativi del sig. Aymonino : in occasione di questa Esposizione egli ha pure iniziato la fabbricazione degli armomium, ad eccezione delle linguette che provengono da Parigi, ma sinora non si può asserire che quest'industria sia completamente avviata nella sua officina.

Il sig. Aymonino venne in conseguenza giudicato dalla Commissione meritevole di particolari incoraggiumenti per l’arditezza colla quale ha intrapreso su grande scala un'industria che si poteva dire nuova nel nostro paese, per i perfezionamenti che vi ha già arrecati in un breve volgere d'anni, e per animarlo a fare i pochi progressi che ancora gli restano onde vincere la concorrenza estera negli strumenti ordinarii." Relazione dei giurati e giudizio della R. Camera di agricoltura e commercio, 1858, p. 285

1861

FIRENZE - "E poi ditemi che son pagato a posta, ma non posso a meno, anche qui, di batter le mani al Piemonte, pei bellissimi ed ottimi Pianoforti dell’Aymonino.

- Fra i molti veramente buoni, stupendi, ha fatto un miracolo d’arte, nel costrurne uno in legno rosso, ma diligentemente però lavorato, pel prezzo di 380 franchi." Sulla esposizione di Firenze lettere di Carlo Pisani Carlo Pisani, 1861, p. 47

FIRENZE - "Piano-forte verticale obliquo, del prezzo di L. 1400. — Pianoforte verticale dritto, del prezzo di L. 700. — Piano-forte verticale dritto, del prezzo di L. 380.

Tutti questi piano-forti hanno il meccanismo francese : sono notevoli per buona voce ed ottime tastiere, e possono in tutto qualificarsi per buoni strumenti. E degna di nota speciale la mitezza dei prezzi." Expo FIRENZE - Consiglio dei giurati : Cenno sommario dui giudizi emessi dalla commissione ..., 1861

FIRENZE - "2465. Aymonino Giacinto, Torino. [Torino A. 1858]. — Pianoforti e Armonio." Atti officiali della Esposizione italiana agraria, industriale e artistica, 1861, p. 121

FIRENZE - "Aymonino Giacinto di Torino, ha esposto tre piano-forti verticali: uno a corde oblique del prezzo di lire 1400; uno a corde dritte del prezzo di lire 700; uno simile con cassa di castagno naturale, che egli chiama pianino da studio, del prezzo straordinariamente mite di lire 380.

La voce di questi strumenti è buona, buone le tastiere, e buonissima in ispecie quella del suddescritto pianino, e tutti tre sono da annoverarsi tra i buoni piano-forti verticali.

Stando alle indicazioni del bullettino, la fabbrica di questo espositore deve ritenersi come la più importante per la estensione della manifattura, avendo denunziato una fabbricazione di 235 piano-forti all' anno.

Pur nonostante egli dichiara che è obbligato a provvedersi dei pezzi del meccanismo in Francia, non potendo aver convenienza ad intraprenderne esso stesso la costruzione, finche non abbia raggiunto una fabbricazione di 500 piano-forti all' anno.

L'Aymonino ha esposto pure un armonium della sua fabbrica, ma questo sarà parlato in appresso. Per le cose sopra esposte, la Sezione crede questo fabbricante meritevole del confrimento della medaglia." Expo Firenze - Esposizione italiana tenuta in Firenze nel 1861, Volume 2, 1861- Gli strumenti musicali all'esposizione italiana del 1861 descrizione sommaria e motivi dei giudizii pronunziati dalla terza Sezione della Classe 9. del Consiglio dei Giurati per L. F. Casamorata, 1862, p. 16-17

1867

PARIGI - "Anche il signor Aimonino e i fratelli Marchisio di Torino, e il De Meglio di Napoli, vanno rammentati per pianoforti in cui si veggono de'lodevoli tentativi per il loro perfezionamento." L'Italia alla esposizione universale di Parigi nel 1867, rassegna critica, 1867, p. 348

PARIGI - "18. Aymonino (Hyacinthe) à Turin. - Piano oblique; pianos à cordes droits." Catalogue général: Exposition Universelle de 1867 à Paris, Volume 1, 1867, p. 126

1873

VIENNA - "Per pianoforti e specialmente per l'incremento dato alla esportazione." Expo Vienna, 1873 (10)

VIENNA - "Un pianoforte verticale esposto dal cav. Giacinto Aymonino di Torino infine, ancorchè mancasse di pienezza di suono, fu pure trovato abbastanza discreto per la precisione della meccanica, e fu premiato col diploma del Merito." Relazioni dei Giurati italiani sulla Esposizione universale di Vienna del ..., Giuria per la Esposizione universale di Vienna, 1873, p. 60

VIENNA - "Aymonnino cav. Giacinto, Torino. - + Firenze. - Pianoforte sistema. americano (la produzione annuale di questa fabbrica è presentemente di circa. 150 pianoforti, dei quali parte si esporta all’estero e specialmente nell'America. del Sud. [3070.]" Atti ufficiali della esposizione universale di Vienna del 1873 catalogo, 1873, p. 150

VIENNA - "A loro onore ed incoraggiamento rammenteremo i nomi degli espositori che presentarono pianoforti migliori e melopiani, essi furono il Siever ed il Da Meglio di Napoli, Caldera e Brossa di Torino, Alessandroni di Roma ed il Mola e l’Aymonino di Torino i quali conseguirono la medaglia del merito. II Fusella di Torino ed il Giuliano di Napoli conseguirono pure il diploma di merito pei loro pianoforti a cilindro." L'Economista, 20 giugno 1875, p. 748 (Bess Digital Archive)

1881

MILANO - "Tre pianoforti pregevoli, uno specialmente a coda che è giudicato il migliore dell'esposizione." Expo Milano 1881 (10)

1898

TORINO - "Subito dopo viene Aymonino coi suoi cinque piani, di media grandezza, tipo elegante e adatto per salotto e per piccoli concerti famigliari." L'Esposizione generale italiana e d'arte sacra: rassegna popolare illustrata, G. Sacerdote, Torino 1898, p. 350 (MuseoTorino.it)

TORINO - "Altra Casa importantissima, la più anziana delle fabbriche torinesi di pianoforti, è quella della Ditta successori Giacinto Aymonino.

Questa reputatissima Casa fu fondata nel 1850 da Giacinto Aymonino, e tenne sempre il primato nella fabbricazione dei pianoforti.

Il numero degli operai che lavora nella fabbrica è di circa 50, diretti dai capi Monti Carlo e Rovetto Giovanni, addetti alla Casa da oltre trent'anni.

La produzione media della Casa Aymonino negli ultimi cinque anni fu di 220 pianoforti per anno, oltre a 20 o 25 riparazioni complete fatte a pianoforti vecchi di propria fabbricazione o per soddisfare alle continue richieste di varii negozianti e privati.

La Casa Aymonino produce anche nei suoi laboratorii le meccaniche di quelqiasi sistema, che fornisce anche alle minori fabbriche." L'Esposizione nazionale del 1898, Roux Frassati, Torino 1898, p. 317 (MuseoTorino.it)

Per i riferimenti, vedete la pagina
Fabbricanti di pianoforti in italia tra 1850-1899


 © Copyright all rights reserved | contact